Blocco pensioni Riforma Fornero: bocciato perchè incostituzionale

Riforma Fornero incostituzionale: ad annunciarlo la Corte Costituzionale con un sentenza shock.

di , pubblicato il
Riforma Fornero incostituzionale: ad annunciarlo la Corte Costituzionale con un sentenza shock.

Con la sentenza numero 70 del 2015 la Corte Costituzionale ha bocciato il blocco delle pensioni superiori a tre volte il minimo, stabilito dal decreto 201/2011 della Riforma Pensioni Fornero perché incostituzionale.   La sentenza boccia il comma 25 dell’articolo 24 del decreto sopra menzionato ribadendo un principio che era già stato espresso in passato dalla stessa Costituzione che con gli articoli 36 e 38.   Tali articoli assicurano che le pensioni devono essere proporzionali ed adeguate, due principi che devono sussistere non solo nel momento di messa a riposo del lavoratore ma che devono essere assicurate costantemente anche nel prosegui dell’erogazione della pensione.

  La pronuncia della Corte crea un problema abbastanza urgente per il Governo: la restituzione dell’adeguamento all’inflazione ai 6 milioni di pensionati che negli anni 2012 e 2013 si sono visti bloccare l’assegno previdenziale costerebbe in media 10 miliardi di euro.   Già nel 2010 la Corte Costituzionale aveva stabilito che il legislatore deve garantire non solo un adeguato trattamento pensionistico ma anche le esigenze minime di protezione della persona.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: