Blocco aumento età pensionabile per lavoratori gravosi: come presentare domanda

Come si presenta la domanda per beneficiare del blocco dell'aumento dell'età pensionabile in caso di lavoro usurante e gravoso?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
pensione anticipata infermiere usurante
Buongiorno,
vorrei, se possibile un vostro parere sul mio caso. Sono mesi che vado sia al  patronato che a diverse sedi INPS senza risolvere nulla.
Sono un infermiere di 62 anni con 42 anni e 6 mesi di contributi al 31.12.2018.
Ho sempre svolto la mia attività lavorativa in turni presso  una struttura ospedaliera.
Ciò premesso penso di poter beneficiare del decreto del 18/4/2018 del Ministero del lavoro de delle politiche sociali che definisce  le  procedure  di  presentazione  della  domanda   di pensione, ai fini dell’applicazione del beneficio di cui all’articolo 1, commi 147 e 148, della legge  27  dicembre  2017,  n.  205,  e  di verifica  della  sussistenza  dei  requisiti   da   parte   dell’ente previdenziale, quindi  avere il blocco dell’età pensionabile a 42 anni e 10 mesi.

Il patronato non inoltra la domanda perché  ritiene che i suddetti benefici sono solo per l’Ape Sociale e i lavoratori precoci.(cosa che io non sono) e mi invita ad andare all’INPS.

Sono stato in 2 diverse sedi INPS, mostrando anche il Mod.AP116  (debitamente compilato e sottoscritto dal datore di lavoro) ma anche li, non sanno neanche cosa sia il suddetto decreto.

Addirittura un impiegato ha esordito:” il decreto lascia il tempo che trova”.

Non  contento ho inviato un quesito, che allego, a “L’INPS RISPONDE” inoltrando anche copia del decreto.

Secondo l’estratto conto certificativo farei  42 anni e 10 mesi il 1.5.2019 e quindi potrei andare in pensione e per far questo devo dimettermi e dare il preavviso.

Non vedo via di uscita e non so più a chi rivolgermi per far valere un mio diritto.

Fiducioso di un cortese riscontro cordialmente saluto.

Come fare richiesta di blocco aumento età pensionabile

Ha ragione lei e non il Patronato e l’INPS. Il decreto del Ministero del Lavoro datato 18 aprile 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 134 del 12 giugno 2018, specifica chiaramente che il blocco dell’aumento dell’età pensionabile per lavoratori usuranti e addetti alle mansioni gravosi vale per gli anni 2019 e 2020 (a partir dal 2021, quindi, anche questi lavoratori saranno coinvolti negli aumenti previsti dall’adeguamento alla speranza di vita).

Il blocco, come lei fa notare non è automatico ma bisogna farne richiesta all’INPS con specifica domanda,  per dimostrare di essere in possesso dei requisiti, tramite il modulo che l’INPS ha predisposto.  Tale modulo, però, a quanto sembra non è stato reso ancora disponibile dall’INPS.

Il modello che lei ha utilizzato è quello predisposto per l’Ape sociale e per la quota 41 e forse per questo sia l’Inps che il patronato le hanno tirato in ballo le due misure. Molto probabilmente gli impiegati dell’Inps non sanno come agire al riguardo ma sicuramente a breve il modello in questione deve essere messo a disposizione dei cittadini.

Inoltre, anche se capisco che lei voglia esercitare il suo diritto di lavoratore gravoso,  sembrerebbe che per l’accesso alla pensione anticipata e alla quota 41 il governo bloccherà l’aumento dell’età pensionabile per tutti i lavoratori e, in questo caso, non avrebbe bisogno di compilare alcun modello per poter fruire del beneficio

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Quesiti età pensionabile e calcolo, Quesiti lavori usuranti e gravosi, News pensioni, Età pensionabile