Beneficiari Reddito di Cittadinanza: solo uno su tre dovrà cercare lavoro

Non tutti i beneficiari del reddito di cittadinanza dovranno cercare lavoro: ecco la fotografia Istat della platea. Solo uno su tre cerca lavoro.

di , pubblicato il
Non tutti i beneficiari del reddito di cittadinanza dovranno cercare lavoro: ecco la fotografia Istat della platea. Solo uno su tre cerca lavoro.

Solamente uno su tre dei beneficiari del reddito di cittadinanza di fatto saranno tenuti a firmare il patto per il lavoro.

Beneficiari Reddito di Cittadinanza: chi dovrà cercare lavoro

Secondo i dati Istat infatti, dei circa 2,7 milioni di beneficiari, 897 mila andranno in cerca di una nuova occupazione (più della metà tra i 45 e i 64 anni). I dati quindi confermano la funzione ibrida del sussidio, a metà assegno di occupazione ma, nei due terzi dei casi, strumento di lotta contro la povertà.


Per questi sarà facile trovare lavoro? Non proprio: la stragrande maggioranza è scarsamente scolarizzata: molti non hanno titolo di studio o arrivano alla licenza media. Sono disoccupati (492mila) e casalinghe (373mila). Di questi circa 100 mila sono extracomunitari.

Reddito di cittadinanza: famiglie svantaggiate dalle scale di equivalenza

Molti più i single che le famiglie (solo il 9%). Per effetto delle scale di equivalenza applicate infatti (ossia i moltiplicatori che calcolano il reddito sotto il quale si ha diritto all’assegno sulla base del numero di componenti del nucleo familiare), saranno favoriti i single, che costituiscono il 47,9% delle famiglie beneficiarie. Le coppie con figli minorenni che rappresentano il 19,6%. L’11,2% è costituito da coppie senza figli, 4,9% le coppie con figli adulti, 7,5% mono genitori con figli minorenni e 5,8% mono genitori con figli maggiorenni.

Leggi anche:

Molte famiglie dovranno restituire il reddito di cittadinanza?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,