Beneficiari Reddito di Cittadinanza: in arrivo 400 mila offerte di lavoro

Grazie all’inserimento delle agenzie per il lavoro nel reddito di cittadinanza potrebbe ridursi il gap tra offerta e domanda di lavoro per i percettori

di , pubblicato il
Beneficiari Reddito di Cittadinanza: in arrivo 400 mila offerte di lavoro

Non agenzie per il lavoro in sostituzione dei centri per l’impiego, bensì un loro affiancamento per migliorare l’incontro tra offerte e domanda di lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza.

Questa una delle possibili strade percorribili per rendere più efficace ed efficiente la misura di sostegno tanto voluta e desiderata dal M5S ma che ad oggi non ha ancora dato i frutti sperati.

Gli ultimi dati Anpal

I percettori di reddito di cittadinanza tenuti alla sottoscrizione del patto per il lavoro sono, ad oggi, 1.150.152 di cui, il 34,1% è stato preso in carico in quanto ha sottoscritto con il centro per l’impiego un patto per il lavoro o dispone di un patto di servizio in corso di validità. Si tratta di un valore assoluto pari a 392.292 persone, a cui se ne aggiungono 3.727 impegnate in tirocinio.

La maggiore presenza di beneficiari si rileva nel sud e nelle isole, dove risiede il 70,5% del totale delle persone soggette al patto per il lavoro.

Per quel che riguarda l’età, si conferma la riduzione dell’età della popolazione di beneficiari: la classe di età degli under 29 a livello nazionale costituisce il 38,6% di tutti i beneficiari.

Questi i dati ufficiali diffusi nell’ultima nota dell’ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro).

L’ingresso delle agenzie per il lavoro nel reddito di cittadinanza

Così come nato, nell’ambito del reddito di cittadinanza, un ruolo fondamentale dovrebbe essere svolto dai centri per l’impiego il cui compito, anche grazie all’ausilio della nuova figura dei Navigator, dovrebbe essere quello di intermediare tra offerte di lavoro e domanda di lavoro per i percettori del sussidio.

Ad oggi, sono ancora pochissimi i percettori che hanno trovato o accettato offerte di lavori provenienti dai centri per l’impiego.

A motivo di ciò si sta pensando di affiancare ad essi le agenzie di lavoro interinale specializzate nell’attività di ricerca di impiego sulla base delle offerte provenienti dalle aziende. Un dato interessante (e incoraggiante) è quello diffuso da Rosario Rasizza, presidente dell’associazione italiana delle agenzie per il lavoro (Assossom), il quale rende noto che esistono oggi circa 400 mila offerte di lavoro compatibili con chi percepisce il reddito di cittadinanza (la maggior parte proveniente dalle aziende della grande distribuzione).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,