Badante convivente da contratto: vitto e alloggio si possono corrispondere con indennità sostitutiva?

Vitto e alloggio previsti da contratto per la badante convivente si possono corrispondere tramite indennità sostitutiva? A quanto deve ammontare?

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Vitto e alloggio previsti da contratto per la badante convivente si possono corrispondere tramite indennità sostitutiva? A quanto deve ammontare?

I contratti di lavoro per badanti conviventi prevedono il pagamento di vitto e alloggio. Questi ultimi dovranno rispettare alcuni requisiti, in particolare:

• il vitto deve essere tale da assicurare una nutrizione sana e sufficiente;
• l’ alloggio idoneo a garantire integrità fisica e morale della lavoratrice e a salvaguardarne la dignità e la riservatezza.

In altre parole, quando per diversi motivi vitto e alloggio previsti dal contratto della badante convivente, non possono essere erogati in natura, si può corrispondere un’indennità sostitutiva. I valori convenzionali di vitto e alloggio sono fissati nella tabella F del contratto collettivo e vengono rivalutati ogni anno. Per essere considerati adeguati a garantire i requisiti di cui sopra, gli importi dei vitto e alloggio previsti nell’indennità sostitutiva devono essere uguali o superiori a quanto previsto dalla tabella F.

Sembrerebbe tutto logico e facile ma guardando agli importi viene più di un dubbio. Vediamoli dunque: l’indennità sostitutiva di vitto e alloggio per colf e badanti nel 2018 è pari a 5,53 euro al giorno così ripartiti:

• 1,93 euro per il pranzo;
• 1,93 euro per la cena;
• 1,67 euro per l’alloggio.

E’ evidente che sono importi molto bassi che non permetterebbero di mangiare o dormire fuori dalla casa in cui la badante lavora. Ma il punto è che nessun contratto impone al datore di lavoro domestico di rimborsare le spese effettive sostenute dalla badante.
In molti casi, come avviene per esempio in caso di ferie o malattia colf e badanti, le parti stabiliscono importi superiori a quelli della tabella e più idonei rispetto al costo della vita concreto.

Leggi anche:

Permessi non goduti: si ha diritto all’indennità sostitutiva 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lavoro e Contratti, Lavoro domestico