Aziende in crisi, esplode la cassa integrazione: +52% a settembre

La crisi del lavoro si fa sentire con le richieste di cassa integrazione in crescita. A settembre le domande sono cresciute del 51,9% rispetto a un anno fa.

di , pubblicato il
La crisi del lavoro si fa sentire con le richieste di cassa integrazione in crescita. A settembre le domande sono cresciute del 51,9% rispetto a un anno fa.

Torna a salire la cassa integrazione guadagni. L’ammortizzatore sociale che interessa i lavoratori delle aziende italiane in crisi è la cartina tornasole dello stato di salute dell’economia del Paese. Un Paese che non riesce a crescere e vede ancora una volta le grandi imprese chiudere o de localizzare.

Dalla Whirlpool all’Ilva di Taranto passando per Mercatone Uno, sono circa 160 i tavoli di crisi aperti presso il Mise e che faticano a trovare una soluzione. Alla base, non c’è solo la crisi industriale o il calo della domanda dei consumi della famiglie, ma anche la pressione fiscale e il costo della manodopera che rende difficile fare produzione in Italia.

Cassa integrazione in aumento del 51%

Nel mese di settembre 2019 il numero di ore di cassa integrazione (CIG) complessivamente autorizzate è stato pari a 17,2 milioni, in aumento del 51,9% rispetto allo stesso mese del 2018 (11,3 milioni). Lo rende noto l’Inps aggiungendo che il numero di ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate a settembre 2019 è stato pari a 11,5 milioni, di cui 5,6 milioni per solidarietà, registrando un incremento pari al 99,2%rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, che registrava 5,8 milioni di ore autorizzate. Nel mese di settembre 2019 rispetto al mese precedente si registra una variazione congiunturale pari al +359%. Gli interventi in deroga sono stati pari a circa 21mila ore autorizzate a settembre 2019 registrando un decremento del 30,9%se raffrontati con settembre 2018, mese nel quale erano state autorizzate circa 30mila ore. La variazione congiunturale registra nel mese di settembre 2019 rispetto al mese precedente un incremento pari al 126,4%.

Cos’è la Cassa Integrazione

La cassa integrazione guadagni (CIG) è uno dei principali ammortizzatori sociali previsti dalla legge e consiste in una prestazione economica erogata dall’Inps e finalizzata a integrare o sostituire la retribuzione dei lavoratori nei periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa. La CIG spetta ai lavoratori subordinati, operai, impiegati e quadri, compresi gli apprendisti, con un’anzianità lavorativa di almeno 90 giorni al momento della richiesta di cassa integrazione da parte del datore di lavoro. Sono esclusi i dirigenti e i lavoratori a domicilio. L’indennità è pari all’80% della retribuzione del dipendente con un importo massimo stabilito di 971,17 euro per retribuzioni fino a 2.102,24 euro e di 1.167,91 euro per quelle che eccedono tale soglia.

La Cassa Integrazione può essere: Ordinaria (CIGO), Straordinaria (CIGS), In deroga (CIGD).

Argomenti: ,