Auto: con la tariffa stradale diventano a pagamento tutte le strade?

Costi auto: cosa cambierà con la nuova tariffa stradale? Si pagheranno tutte le strade?

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Costi auto: cosa cambierà con la nuova tariffa stradale? Si pagheranno tutte le strade?

Novità sui costi auto: l’Anas sta studiando una nuova tariffa stradale. Il pagamento della tassa funzionerà come una bolletta, sulla falsariga di quanto avviene per i servizi pubblici domestici di luce e gas. Non si tratta di una bufala, come quella delle ultime ore sulla presunta tassa sui condizionatori, ma di una rivoluzione concettuale sulla quale la società starebbe puntando per assicurarsi una maggiore autonomia e non pesare sul debito pubblico. A spiegare gli intenti di questa tassa sulle auto è stato l’ad Gianni Vittorio Armani, in occasione di un’audizione in commissione Ambiente della Camera per spiegare il piano di investimenti 2015- 2019 pari a circa 20 miliardi. Oltre il 40% dei finanziamenti, ha spiegato il presidente, “sarà destinato alla manutenzione straordinaria, il 16% alle nuove opere, il 43% a nuovi itinerari.” In che cosa consisteranno gli interventi finanziati con la nuova tariffa stradale applicata alle auto? Prevalentemente “la risoluzione di criticità strutturali, la messa in sicurezza da frane e rischio idraulico, la riduzione d’incidentalità, il miglioramento delle condizioni di percorribilità delle strade”. Anas ha messo le mani avanti da prevedibili critiche sulla tassa auto spiegando che non si tratterà di un pedaggio. Il calcolo della tassa auto, assicura Armani, si baserà su meccanismi volti ad imputare i costi delle infrastrutture stradali a chi fruisce del servizio secondo criteri di mercato“. I sistemi di tariffazione presi a modello saranno dunque quelli attualmente previsti ad esempio per le bollette di luce e gas ma anche per gli aeroporti. L’autonomia finanziaria di Anas è senza dubbio un obiettivo importante per l’azienda ma tra gli automobilisti la preoccupazione è che questo nuovo possibile balzello possa rendere ancora pi oneroso il possesso di una vettura su cui già gravano le spese per assicurazione, bollo auto e aumenti periodici della benzina. Da questo punto di vista Armani ha rassicurato che la maggiore efficienza non comporterà costi aggiuntivi per i contribuenti perché la tariffa stradale attingerà dal mercato dei capitali e non graverà sulla fiscalità generale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi

I commenti sono chiusi.