Attenti alla truffa del finto avvocato: ecco come spillano soldi alle vittime

Fingono finti arresti per spillare soldi alle vittime, ecco come funziona la truffa che sta facendo tremare alcune città.

di , pubblicato il
Fingono finti arresti per spillare soldi alle vittime, ecco come funziona la truffa che sta facendo tremare alcune città.

Attenti alla truffa del finto avvocato. Ebbene, i raggiri e le frodi di ogni tipo non riguardano solo i finti tecnici di luce e gas ma anche impostori che si fingono avvocati per spillare soldi. Ma come funziona questa ennesima truffa? 

Come funziona

Da ogni parte d’Italia è giunta la notizia di un gruppo di malviventi che fingendosi professionisti cercano di frodare i malcapitati.

Le vittime sono soprattutto anziani che non sanno molto delle procedure. Il raggiro funziona più o meno così: il finto avvocato punta la vittima e, facendo leva sull’ansia improvvisa generata da una notizia di un fatto grave e anche sulla poca conoscenza delle procedure, cerca di rubare soldi e oggetti preziosi facendoseli consegnare direttamente dal malcapitato. Tra le modalità di azione, ad esempio, la notizia di un finto incidente di un parente con conseguente arresto e la necessità di soldi per farlo rilasciare. 

Come difendersi

I truffatori prima di entrare in azione studiano a fondo le vittime per capire com’è composto il nucleo familiare e mettere in atto la messinscena. Solitamente sono colpiti anziani, vedove o vedove con figli. Una volta scelto su far ricadere il raggiro il finto avvocato telefona alla vittima dicendo che il figlio, ad esempio, avrebbe provocato un incidente e si trova in carcere e servono soldi per farlo uscire. Facendo leva sull’ansia del momento il truffatore si fa poi consegnare soldi e anche oggetti di valore. Come riporta ladige.it alcune vittime avrebbero addirittura consegnato il bancomat con il codice per far “rilasciare dal carcere” il figlio.  

Il consiglio delle forze dell’ordine, in questo caso, è di diffidare sempre qualora si ricevano queste chiamate in quanto né avvocati, né polizia o militari chiedono mai soldi per telefono o raggiungendo l’abitazione del malcapitato. In caso si ricevano strane visite o telefonate si consiglia di chiamare subito il 112 e per scrupolo contattare i familiari per controllare la veridicità dell’informazione.

Leggi anche: Attenti alla truffa del contatore: falsi tecnici luce e gas per derubare i clienti

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.