Assunzioni nel pubblico: un concorso l’anno e selezione con Scia senza idonei non assunti

Lavoro pubblico: novità concorsi e metodo Scia per le assunzioni. Chi supera il concorso viene assunto senza graduatorie idonei. Ecco cosa cambia.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Lavoro pubblico: novità concorsi e metodo Scia per le assunzioni. Chi supera il concorso viene assunto senza graduatorie idonei. Ecco cosa cambia.

Il ministro della PA Giulia Bongiorno nel corso dell’audizione è intervenuto per spiegare la portata dei cambiamenti che investiranno le assunzioni nel pubblico e, in particolare, i concorsi per la Pubblica Amministrazione.

Assunzioni pubblico: un concorso l’anno

La novità più eclatante riguarda l’indizione di un concorso pubblico una volta l’anno. Ma non è solo una questione di numeri. In nome della semplificazione ha spiegato la Bongiorno “con i miei concorsi chi vince vince e chi perde perde”. Che cosa significa? Chi ha fatto un concorso pubblico fino ad oggi sa che vincerlo non significa essere assunti: la maggior parte delle persone risultano idonee e vengono inserite in graduatoria. La svolta riguarda proprio il concetto di idoneo che di fatto sparirà: chi vince il concorso viene assunto. Ma perché finora non è stato così? La PA può assorbire tutti gli idonei che superano il concorso. Spiega il ministro: “E’ falso dire che non serve assumere. Non è vero che abbiamo dipendenti pubblici in esubero ne abbiamo meno di altri paesi europei e siamo fanalino di coda a livello generazionale, non ne abbiamo a sufficienza sotto ai 34 anni. L’età media è 52 anni, la mia età, il dirigente medio ha 57 anni, allora è gravissimo continuare così con assett che vanno crollando”. Servono dunque assunzioni mirate.

E qui entra in gioco il metodo Scia di assunzione nel pubblico. Come funziona? “Con il metodo Scia: prima assumo poi controllo. Una procedura semplificata”. Questo anche considerando che, come ammette il ministro, ci sono settori della PA praticamente al collasso per mancanza di personale specializzato e figure tecniche specifiche. Procedendo in questo senso già sono pervenuti i primi fabbisogni al Dipartimento della Funzione pubblica dei ministeri e anche delle forze dell’ordine e quindi, conferma la Bongiorno, tutto è pronto per le prime assunzioni nel settore pubblico.

Per approfondire l’argomento leggi anche:

Assunzioni nel pubblico 2019: posti e novità nei concorsi

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bandi e concorsi, Pubblica amministrazione