Assicurazione auto: le novità nel decreto sviluppo 2012 parte seconda

Assicurazione auto oggetto di interventi nel decreto crescita 2.0. Tra le novità abolito il rinnovo tacito e istituito un contratto di base. Obiettivo maggiore concorrenza per gli assicurati

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Assicurazione auto oggetto di interventi nel decreto crescita 2.0. Tra le novità abolito il rinnovo tacito e istituito un contratto di base. Obiettivo maggiore concorrenza per gli assicurati
Abolito il rinnovo tacito e istituito un contratto di base. Tutte le novità per l’assicurazione auto nel decreto sviluppo 2012 parte seconda

 Assicurazione auto oggetto di novità con il decreto sviluppo 2012 bis. Rinnovo Rc auto, contratto base e archivio informatico. La polizza assicurativa auto conosce innovazioni grazie al decreto crescita 2.0. Entriamo nel dettaglio.

Assicurazione auto nel decreto sviluppo 2012 bis

Il Governo Monti nel recente decreto crescita 2.0 ha introdotto numerose novità per quanto riguarda il settore assicurativo e della polizza assicurativa auto in particolare. Il tutto nell’ottica di ottenere una riduzione dei premi pagati dagli automobilisti alle assicurazioni, garantendo una maggiore concorrenza sul mercato e trasparenza. Entriamo nei dettagli.

Rinnovo Rc auto: abolito quello tacito

In primo luogo il decreto sviluppo 2012 parte seconda prevede l’abolizione del rinnovo tacito per l’assicurazione auto. Ciò comporta inevitabilmente che il contratto sulla polizza assicurativa auto ha validità di 12 mesi, favorendo così la massima concorrenza per l’automobilista che ha più possibilità di scegliere e cambiare compagnia assicurativa in maniera più semplice.

Ivass al posto dell’Isvap

 Altra novità da segnalare in tema di assicurazione auto, introdotta dal decreto sviluppo 2012 parte seconda, riguarda la sostituzione dell’Isvap, l’Istituto per la Vigilanza sulle assicurazione private e di interesse collettivo, con l’Ivass. Compiti del nuovo istituto di vigilanza saranno analizzare, elaborare e valutare le informazioni ricavate sia dall’archivio informatico integrato, che quelle ricevute dalle imprese di assicurazione e dagli intermediari, per  individuare i casi di sospetta frode, richiedere informazioni e documentazione alle compagnie assicurative, nonchè segnalare a queste e all’autorità giudiziaria profili di anomalia riscontrati ed elaborare una relazione annuale sull’attività svolta a fini di prevenzione e contrasto delle frodi e formulare proposte di modifica della disciplina in materia di prevenzione.

 Assicurazione auto: obiettivo è combattere le frodi

 La sostituzione dell’Isvap con l’Ivass ha come finalità quella di combattere il fenomeno delle frodi. Per questo scopo si pensa anche alla creazione di un archivio informatico integrato, che verrà usato proprio dall’Ivass  a tale finalità.

 Assicurazione auto: arriva il contratto base

Da ultimo, tra le novita’ introdotte dal decreto sviluppo 2012 bis si prevede per l’assicurazione auto, l’istituzione di un contratto di base. Tale contratto di base per l’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile, verrà definito e articolato secondo classi di merito e tipologie di assicurato. Nel contratto di base, spazio anche alla definizione dei casi di riduzione del premio e di ampliamento della copertura applicabili allo stesso contratto. Ogni compagnia assicurativa potrà determinare però liberamente il prezzo del contratto base, formulando anche in via obbligatoria la relativa offerta al consumatore anche tramite il proprio sito web L’offerta deve utilizzare un modello elettronico predisposto dal Ministero dello sviluppo economico in modo che ciascun consumatore possa ottenere un unico prezzo complessivo annuo secondo le condizioni indicate ed eventuali clausole.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi