Assegno ordinario di invalidità: è compatibile con il pubblico impiego?

L'assegno ordinario di invalidità può essere percepito dai lavoratori del settore pubblico?

di , pubblicato il
ricorso invalidità

Salve. Non so se potete aiutarmi per questo mio quesito. Percepisco l’assegno ordinario di invalidità (categoria IO, per capirci quello che necessita di 5 anni di contributi e 3 negli ultimi anni).

L’ho avuto nel 2015 come lavoratore per una cooperativa sociale (dovrò rifare la domanda per i successivi 3 anni nei prossimi mesi in quanto scade ad ottobre 2018).

Da ottobre sono un dipendente pubblico per un ente comunale dopo aver vinto un concorso pubblico. Volevo sapere se l’assegno è compatibile con le dipendenze pubbliche o spetta solo ai lavoratori privati? Oppure nel mio caso, visto che già ne usufruisco mi rimane? Considerando anche il fatto che la situazione di salute è rimasta invariata.

Ho chiesto all’INPS e mi hanno detto che non ci sono problemi mentre altri mi hanno detto che è incompatibile con i lavoratori pubblici. Potete aiutarmi a capire? Grazie.

 

L’assegno ordinario di Invalidità non è compatibile con il pubblico impiego.

Per i lavoratori del settore pubblico, infatti, non vi è possibilità di accedere al beneficio poiché vale la disciplina apposita che prevede la pensione di inabilità assoluta e permanente a proficuo lavoro e alle mansioni svolte.

I  dipendenti del pubblico impiego possono conseguire la prestazione di invalidità solamente  a seguito della cosiddetta  “dispensa per inabilità”  da parte dell’amministrazione  di appartenenza, susseguente  ad accertamento di uno stato  invalidante  tale  da  non  consentire  più  alcun  proficuo  lavoro.

Nel suo caso, quindi, l’assegno potrebbe essere sospeso. In ogni caso, per sicurezza, il mio consiglio è quello di segnalare all’Inps la sua attuale condizione lavorativa alle dipendenze di una pubblica amministrazione per non trovarsi nella scomoda situazione di dover restituire quanto erogato dall’ente ingiustamente.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Argomenti: , , ,