Assegno maternità 2017 erogato dai Comuni: a chi spetta e come farne richiesta

Assegno di maternità per le mamme disoccupate o casalinghe che non possono vantare i 3 mesi di contributi nei 18 mesi precedenti.

di , pubblicato il
Assegno di maternità per le mamme disoccupate o casalinghe che non possono vantare i 3 mesi di contributi nei 18 mesi precedenti.

Anche per le mamme che sono momentaneamente disoccupate o che fanno le casalinghe è previsto dall’Inps un assegno di maternità concesso dai Comuni ed erogato dall’Inps.

L’assegno di maternità concesso dai comuni, anche per l’anno 2017, spetta alle mamme che non lavorano e che non possono far valere 3 mesi di contribuzione versata nei 18 mesi precedenti al parto. Il contributo spetta alle mamme che hanno partorito, adottato o ricevuto in affidamento un bambino.

L’assegno, che ammonta a 338,89 euro, viene corrisposto  per 5 mensilità ai nuclei familiari con reddito Isee non superiore 16.954,95 uro l’anno.

Assegno maternità 2017: a chi spetta?

Il beneficio è riconosciuto alle mamme che presentano la domanda entro 6 mesi dalla nascita (o dall’adozione) del figlio. Concesso con provvedimento del Comune, il beneficio è erogato dall’Inps in un’unica soluzione entro 45 giorni dalla data della trasmissione dei dati dal Comune all’Inps. Possono richiederlo anche le mamme extracomunitarie purché in possesso di permesso di soggiorno al momento della presentazione della domanda. Questa  deve essere presentata esclusivamente dalla mamma tranne casi particolari.

E’ possibile che la domanda sia presentata anche da persone diverse dalla mamma in casi particolari: se, ad esempio, la mamma è minore di età la domanda può essere presentata dai suoi genitori o, nel caso la mamma sia deceduta, la domanda può essere presentata dal papà a patto che abbia riconosciuto il figlio e che il piccolo si trovi presso la sua residenza anagrafica. L’assegno, inoltre, può essere richiesto dal padre nel caso il bambino sia stato affidato esclusivamente al papà o in caso di separazione legale dei genitori nel caso non sia stato concesso alla madre.

Argomenti: ,