Assegno invalidità, chi può chiedere l’aggravamento?

Assegno invalidità, quando la patologia invalidante si aggrava e subentrano altre patologie, è possibile fare domanda di aggravamento? Tutte le informazioni.

di Angelina Tortora, pubblicato il
assegno invalidità, NASPI e compatibilità

Assegno invalidità: Gentilissima dottoressa, la contatto in quanto avrei bisogno di alcune informazioni. Ho 60 anni e dal 2015 percepisco un assegno di invalidità del 75%. Dall’inizio del 2016 non svolgo nessuno lavoro. In questo ultimo anno mi é stato diagnosticato il diabete e inoltre sono peggiorati i dolori relativi alle ernie sia cervicali che lombari, documentali sia tramite radiografie e RM. Tenuto conto del peggioramento delle mie condizioni di salute, Le chiedo se posso, in base a queste patologie, inoltrare domanda affinché la percentuale di invalidità possa aumentata. Cordiali saluti.

 

Analizziamo quando è possibile fare richiesta di aggravamento.

Assegno invalidità, chi può chiedere l’aggravamento?

Può fare richiesta di visita di aggravamento di invalidità civile la persona a cui sia già stato riconosciuto un grado di invalidità e che, attraverso successivi accertamenti medici, riscontra un peggioramento della propria menomazione nel corso del tempo.

Le domande, volte ad ottenere i benefici in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, corredate di certificazione medica attestante la natura delle infermità invalidanti, dal 01 gennaio 2010, dovranno essere inoltrate all’INPS esclusivamente per via telematica. Per i minori e gli interdetti la domanda deve essere presentata dal legale rappresentante o il tutore.

Alla domanda vanno allegati i seguenti documenti:

  • certificazione medica attestante l’aggravamento della menomazione;
  • documentazione medica (accertamenti diagnostici) attestante l’aggravarsi della patologia;
  • fotocopia della vecchia istanza di invalidità civile

Assegno di invalidità e certificato medico

Nella fase iniziale, va redatto il certificato introduttivo del medico di famiglia, che dovrà inserire tutte le patologie, senza omettere nessuna, che possano essere documentate, includendo anche le eventuali complicazioni subentrate come conseguenza della patologia che ha determinato il primo riconoscimento di invalidità.

E’ altresì importante non omettere nessuna infermità, anche di diversa indole di cui si possa essere affetti. Inoltre, tale certificazione medica, oltre alla diagnosi riguardante l’infermità invalidante, deve anche precisare con chiarezza le cause che hanno dato origine alla modificazione del quadro clinico preesistente.

Conclusione

Lei può chiedere l’aggravamento dello stato di invalidità, visto il peggiorare della malattia e il subentro di altre patologie. Il mio consiglio è quello di preparare una documentazione medica recente, comprovante tutte le patologie invalidanti, senza trascurare niente.

Leggi anche: Assegno invalidità aggravamento negato, cosa fare?

Fonte: Superabile

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Quesiti invalidità e inabilità, News diritto, Assegno invalidità