Assegno per infortunio di € 256,39, chi può farne richiesta?

Assegno incollocabilità di euro 256,39 per il 2017, chi può farne richiesta e quando? | La Redazione risponde.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Assegno incollocabilità di euro 256,39 per il 2017, chi può farne richiesta e quando? | La Redazione risponde.

Assegno incollocabilità, con assegno per infortunio in itinere, è possibile richiederelo? il quesito di un nostro lettore:

Buongiorno, io ho  avuto un infortunio in itinere nel 2012, ad oggi ho 21 punti e una rendita di 300, 00 €, causa dell’incidente non posso lavorare posso chiedere l’assegno di incollocabilita’? Annalisa

Assegno di incollocabilità

L’INAIL provvede all’accertamento della disabilità, al rilascio della certificazione nella quale si specifica che l’interessato non può fruire del collocamento obbligatorio per la perdità di ogni capacità lavorativa e all’attivazione immediata delle procedure per l’erogazione dell’assegno di incollocabilità.

La prestazione economica, integrativa e assistenziale dell’ assegno di incollocabilità, spetta:

  • età non superiore ai 65 anni;
  • in conseguenza di infortuni sul lavoro o malattia professionale denunciati fino al 31.12.2006, ai titolari di rendita con un grado di inabilità non inferiore al 34%, riconosciuto dall’Inail secondo le tabelle allegate al Testo Unico (Decreto 30 giugno 1965, n. 1124) e di età non superiore ai limiti pensionabili stabiliti per legge;
  • in conseguenza di infortuni sul lavoro o malattia professionale denunciati dal 1° gennaio 2007, ai titolari di rendita con un grado di menomazione dell’integrità psicofisica, danno biologico, superire al 20% riconosciuto secondo le tabelle allegate all’articolo 13 del D.lgs 38/2000 e di età non superiore ai limiti pensionabili stabiliti per legge “legge 27 decembre 2006, n. 296 art. 1 (finanziaria 2007)”.

Come si ottiene l’assegno di incollocabilità

Per richiedere la prestazione bisogna presentare apposita domanda alla Sede Inail di appartenenza.

La domanda deve comprendere, oltre ai dati anagrafici, la descrizione dell’invalidità (lavorativa ed extralavorativa, se esistente) e la fotocopia del documento di identità.

In caso di invalidità extralavorativa, dovrà essere presentata la relativa certificazione.

Dove presentare la domanda

La domanda può essere presentata tramite:

  • sportello della Sede competente;
  • posta ordinaria;
  • Pec ( posta  elettronica certificata);
  • Patronato

L’assegno può essere erogato tramite:

  • accredito su conto corrente bancario o postale;
  • accredito su libretto del deposito nominativo bancario o libretto di deposito nominativo postale ( escluso il Settore navigazione);
  • accredito su carta prepagata dotata di codice IBAN;
  • tramite gli Istituti di credito convenzionati con l’Inps per i titolari di rendita che riscuotono all’estero ( escluso il Settore di navigazione);
  • Per gli importi non superiori a mille euro, con pagamento in contanti localizzato presso sportello bancario o postale

Il Centro medico legale  della Sede Inail, dopo l’accertamento dei requisiti amministrativi, provvederà a verificare la sussistenza dei requisiti sanitari previsti dalla normativa vigente. (Decreto Ministeriale e del lavoro e della previdenza sociale n. 137/1987 art. 1).
A seguito dell’esito della visita di accertamento della capacità globale, si manifesti una chiara situazione di impossibilità o inopportunità ad essere collocato in qualsiasi settore lavorativo, riconosciuta dagli organismi competenti, la sede Inail acquisirà, direttamente dal Centro per l’Impiego competente, la certificazione di incollocabilità dell’assicurato e l’avvio amministrativo per l’assegno.

In caso di non accoglimento saranno specificate all’assicurato, per mezzo posta, le relative motivazioni.

Importo dell’assegno di incollocabilità

L’assegno viene pagato mensilmente insieme alla rendita ed è rivalutato annualmente con decorrenza 1° luglio di ogni anno, con apposito decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale in relazione all’indice ISTAT delle variazioni effettive dei prezzi al consumo.

L’assegno non concorre alla formazione rel reddito complessivo lordo imponibile ai fini dell’IRPEF.

Fonte: Inail, SuperAbile Inail

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, News lavoro, Assegno invalidità, Inail