Asdi 2016: requisiti, durata e importi dell’assegno di disoccupazione

Tutti i lavoratori con almeno 55 anni che hanno già fruito della Naspi, potranno accedere all'Asdi per una durata massima di sei mesi.

di , pubblicato il
Tutti i lavoratori con almeno 55 anni che hanno già fruito della Naspi, potranno accedere all'Asdi per una durata massima di sei mesi.

Asdi: l’assegno di disoccupazione residuale, previsto dal decreto legislativo 22/2015 in attuazione del Jobs Act, debutta ufficialmente. Il decreto del ministero del lavoro e delle politiche sociali 29 Ottobre 2015 che regola le modalità di erogazione del nuovo sostegno al reddito, è stato pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale.

Chi sono i beneficiari dell’assegno di disoccupazione?

Il sostegno spetterà, in particolare, ai lavoratori che hanno fruito entro il 31 dicembre 2015 della Naspi per la sua durata massima a condizione di trovarsi ancora in uno stato di disoccupazione. L’accesso all’Asdi prevede diversi vincoli, che non tutti i percettori di Naspi potranno soddisfare. Il sostegno spetta:

  • solo a coloro che fanno parte di un nucleo familiare in cui sia presente almeno un minore;
  • ai lavoratori che abbiano almeno un’età pari ad almeno 55 anni o superiore e non abbiano maturato i requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato;
  • è necessario versare in una condizione di bisogno economico determinata attraverso dimostrabile attraverso il possesso di una attestazione ISEE, in corso di validità, dalla quale risulti un valore dell’indicatore pari o inferiore a 5.000 euro.

In quale misura l’Asdi è corrisposto?

L’importo dell’Asdi è pari al 75% dell’ultima indennità Naspi percepita purché l’importo non superi il valore dell’assegno sociale: in sostanza, per il 2016, non si possono superare i 448,07 euro al mese. L’importo potrà essere però incrementato a seconda dei carichi di famiglia del beneficiario. Nello specifico c’è un incremento pari a un quinto dell’assegno sociale :

  • 89,7 euro per il primo figlio a carico;
  • 116,6 euro per due figli a carico;
  • 140,8 euro per tre figli a carico;
  • 163,3 euro in caso di quattro o più figli a carico.

Sempre in riguardo ai carichi familiari, il comma 3 del decreto del 29 ottobre 2015, prevede che in ogni caso l’ammontare dell’Asdi comprensivo degli incrementi per i carichi familiari non può essere inferiore all’ammontare del beneficio mensile retribuito mediante la Carta Acquisti sperimentale di cui al decreto interministeriale 10 gennaio 2013. Questo significa che in presenza di carichi di famiglia l’ammontare dell’Asdi mensile non può scendere al di sotto dei 231 euro al mese (l’importo che aumenta in base ai membri del nucleo familiare).

Quali sono le condizione dell’Asdi?

La corresponsione dell’Asdi, è condizionata all’adesione ad un progetto personalizzato redatto dai competenti servizi per l’impiego, contenente specifici impegni:

  • ricerca attiva di lavoro;
  • disponibilità a partecipare ad iniziative di orientamento e formazione;
  • accettazione di adeguate proposte di lavoro.

La partecipazione alle iniziative di attivazione proposte sarà obbligatoria, pena la perdita del beneficio. Chi percepisce l’Asdi potrà comunque reimpiegarsi in attività di lavoro subordinato di durata superiore a sei mesi qualora ricavi un reddito annuale non superiore a 8.000 euro annui. In caso di svolgimento di attività lavorativa autonoma il limite di reddito da non superare è pari a 4.800 euro annui. L’inizio di un’attività lavorativa dovrà essere comunicata all’Inps con le medesime modalità previste in tema di Naspi.

Quando e come verrà erogato l’Asdi?

Il decreto ministeriale precisa che l’assegno verrà erogato mensilmente a decorrere dal giorno successivo a quello del termine di fruizione della Naspi per una durata massima di sei mesi. L’interessato dovrà fare domanda telematica all’Inps a partire dal primo giorno successivo al termine del periodo di fruizione della Naspi ed entro il termine di decadenza di trenta giorni. I moduli e le modalità di presentazione della domanda saranno essere resi noti dall’Inps entro quindici giorni dall’entrata in vigore del decreto. Leggi anche: Disoccupazione: prolungamento Naspi e proroga Asdi Asdi : guida all’Assegno di Disoccupazione

Argomenti: , ,