Aprire un negozio online: quali sono le spese iniziali

Quali sono le prime spese che si devono affrontare per aprire un negozio online? Vediamo cosa serve per l'ecommerce.

di , pubblicato il
Quali sono le prime spese che si devono affrontare per aprire un negozio online? Vediamo cosa serve per l'ecommerce.

Per chi vuole gestire un’attività a costi ridotti la soluzione migliore sembra essere quella di aprire un negozio online: in questo modo, infatti, sarà possibile vendere i propri prodotti senza le spese che comporta avere un negozio fisico e soprattutto sarà possibile raggiungere un mercato molto più ampio.

Il negozio online, a differenza di quello fisico, non chiude mai, è aperto 24 ore su 24 7 giorni su 7, anche i giorni festivi.

Aprire un negozio online: quali spese bisogna affrontare per iniziare?

Dopo aver individuato i prodotti che si intende vendere online bisogna scegliere ed acquistare un dominio. Il dominio, essendo anche il nome della propria attività, sarà il vostro biglietto da visita quindi dovrà essere scelto con molta attenzione. Il consiglio è quello di scegliere un nome semplice, facile da ricordare per i clienti, e che possa essere facilmente associato alla vostra attività.

Dopo aver acquistato un dominio è necessario acquistare anche un hosting, il servizio che consente di posizionare le pagine del vostro sito sul web per fare in modo che gli utenti possano raggiungerlo tramite internet.

Se avete intenzione di vendere merce, inoltre, è necessario acquistare anche un e-commerce, un programma che permette di vendere i prodotti inseriti tramite offerte, permettendovi di scegliere il prezzo di vendita e le quantità di merce di cui avete disponibilità.

Per acquistare un dominio, un hosting e un e-commerce le spese iniziali per il primo anno variano tra i 90 e i 200 euro (dipende molto dalla tipologia di programma che sceglierete per gestire il vostro negozio online). Ovviamente, esistono anche centri commerciali online che mettono a vostra disposizione dominio, hosting ed ecommerce a prezzi davvero vantaggiosi facendovi entrare in circuiti in cui la clientela è già presente. In questo modo, però, sarà come vendere in un negozio che non è propriamente vostro (così come appunto accade all’interno dei centri commerciali).

Leggi anche: E-commerce, grande opportunità per il made in Italy e e-Commerce: è boom in Italia, ma sono pochi i venditori online

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.