Aprire una partita IVA nel 2016 online gratis: ecco come fare

Aprire una partita IVA nel 2016 online gratis in modo semplice e veloce: ecco una guida completa di come fare.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Aprire una partita IVA nel 2016 online gratis in modo semplice e veloce: ecco una guida completa di come fare.

Aprire la Partita IVA 2016 online gratis  come artigiano, libero professionista, commerciante o con le agevolazioni per giovani e donne disoccupati e in mobilità, oggi è molto più facile e veloce.

Prima era necessario rivolgersi all’Agenzia delle Entrate, all’Inail, all’Inps e alla Camera di Commercio per poter adempire a tutti gli obblighi previsti per l’apertura di una partita IVA.

Oggi, tutto questo non è più necessario, in quanto, le diverse istituzioni hanno unificato e telematizzato  le procedure rendendo così il rapporto tra impresa e Pubblica Amministrazione semplice ed efficace con un notevole risparmio di tempo e costi.

Come aprire una partita IVA 2016 online gratis?

L’istituto della Comunicazione Unica del Registro delle imprese permette alle imprese di qualsiasi natura giuridica di aprire la partita IVA online gratis. Il tutto avviene con una semplice procedura telematica e un software gratuito chiamato ComUnica Impresa, all’interno del software ci sono tutte le spiegazioni per la giusta compilazione della comunicazione Unica.

La comunicazione oltre ad aprire la partita Iva permette di effettuare variazioni, cancellazione e tutto quanto serve ai fini fiscali, previdenziali ed assicurativi.

Quando si è completata la comunicazione della Comunicazione Unica,  il Registro delle Imprese invia in automatico all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC),  fornito in sede di registrazione dall’impresa , la ricevuta di protocollo della Comunicazione Unica , valida per l’avvio dell’impresa e provvede a suddividere tra i vari enti coinvolti, la Comunicazione.

Dopodiché, la Camera di Commercio di competenza, entro 5 giorni, comunica l’iscrizione all’indirizzo PEC d’impresa ed entro 7 giorni i singoli enti comunicano gli esiti di competenza sia all’impresa che al registro delle imprese, e la nuova impresa è aperta.

Aprire una partita IVA nel 2016: quanto costa?


Quanto costa aprire una partita Iva 2016 online?

L’apertura della Partita Iva a prescindere dalla natura giuridica dell’impresa è gratuita, fatta eccezione per i costi dovuti per: diritti di segreteria  e imposta di bollo

Come si fa ad aprire una partita Iva online?

Per procedere all’apertura della Partita Iva online, con il software ComUnica, in modo totalmente gratuito, la nuova impresa individuale o società, prima di procedere alla compilazione della richiesta di partita iva, deve munirsi di:

Firma Digitale: La firma digitale consente di scambiare in rete documenti con piena validità legale. Possono dotarsi di firma digitale tutte le persone fisiche: cittadini, amministratori e dipendenti di società e pubbliche amministrazioni.

Firmare digitalmente un file è un’operazione semplice e veloce, che richiede:

  1. un dispositivo di firma (smart card, token USB, …);
  2. un software di firma.

Per dotarsi di Firma Digitale è necessario rivolgersi ai Certificatori Accreditati, autorizzati dall’Agenzia per l’Italia Digitale, che garantiscono l’identità dei soggetti che utilizzano la firma digitale.

Firma digitale: ecco come ottenerla

Credenziali Telemaco: Le credenziali Telemaco per l’Invio Pratiche + Richiesta Certificati condizioni di erogazione e costi, sono essenziali per poter spedire la ComUnica al registro delle imprese.

Per il rilascio delle credenziali telemaco si può fare richiesta: presso Ordini professionali e associazioni di categoria, oppure, registrandosi sul sito del registro imprese con carta di credito o altri sistemi bancari, da utilizzare per il versamento di diritti e imposte.

Una volta che si è in possesso della Firma Digitale e delle credenziali Telemaco, si può procedere a scaricare il software gratuito messo a disposizione del Registro delle Imprese, e installarlo sul proprio pc ed eseguire il file di installazione ComUnica.

Aprire una Partiva IVA con ComUnica: ecco come fare

Una volta installato il software, si può procedere alla compilazione della ComUnica, i moduli obbligatori da compilare e inviare variano a seconda che si tratti di:

a) Guida all’apertura di una nuova impresa che comincia immediatamente la propria attività economica

Moduli da Compilare obbligatoriamente

  • moduli Agenzia delle Entrate: per la denuncia di inizio attività ai fini IVA;
  • moduli per l’iscrizione al registro delle imprese;
  • moduli INPS: se l’attività è di artigiani e commercianti e se vi è assunzione di dipendenti;
  • moduli INAIL se è necessaria l’apertura di posizione assicurativa Inail.

b) Guida all’apertura di una nuova impresa o società senza avvio immediato di attività economica

Moduli da Compilare obbligatoriamente

  • moduli Agenzia delle Entrate: per la denuncia di inizio attività ai fini IVA;
  • moduli per l’iscrizione al registro delle imprese.

c) Guida all’apertura di una nuova impresa o società già iscritta al registro delle imprese

Moduli da Compilare obbligatoriamente

  • moduli del registro delle imprese;
  • modulistica INPS: se attività di artigiani e commercianti e per assunzione di dipendenti;
  • modulistica INAIL: se l’impresa deve provvedere all’istituzione del rapporto assicurativo per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

Aprire una partita IVA nel 2016 online gratis: quali sono i tempi?

Una volta compilati tutti i moduli obbligatori, salvati e inviati, il Registro delle Imprese spedisce in automatico all’indirizzo PEC fornito all’inizio della compilazione, la ricevuta di protocollo della Comunicazione Unica, valida per l’avvio dell’impresa e provvede poi a smistare tra gli enti coinvolti, la Comunicazione.

Il titolare della nuova Impresa, riceverà una risposta via PEC:

  • da parte del Registro Imprese: entro 5 giorni dalla data di protocollo della domanda e della denuncia al REA;
  • da parte dell’INPS e l’INAIL: entro 7 giorni dalla data di ricevimento della ComUnica da parte della Camera di Commercio;
  • da parte dell’Agenzia delle Entrate: è immediata mediante l’attribuzione all’impresa del codice fiscale e la partita IVA.

Aprire una Partita IVA online gratis: attribuzione del codice Ateco

L’apertura di una Partita IVA, implica l’attribuzione del Codice Ateco, un codice che classifica il tipo di attività della nuova impresa in base ad una specifica tabella dei codici ATECO 2007, pubblicata dall’ISTAT, in vigore dal 1° gennaio 2008, e applicata sia dal Registro delle Imprese che dall’Agenzia delle Entrate.

Il Registro delle imprese assegna il codice ATECO attività presentata durante la compilazione della ComUnica che viene acquisito dagli altri enti impegnati nella procedura di apertura della partita IVA.

Aprire una Partita IVA online gratis, quale regime fiscale scegliere?

Il Regime Fiscale della nuova impresa, va indicato al momento della compilazione della ComUnica con la dichiarazione di Inizio Attività.

Per cui dal 1° gennaio 2016, se la nuova impresa ha i requisiti dei coefficienti di redditività e di accesso al regime agevolato, può aderire al nuovo regime forfettario, ed ottenere uno sconto di imposta sostitutiva per 5 anni pari al 5%.

Su questo argomento, vi consigliamo la lettura del seguente articolo:

Aprire una Partita Iva nel 2016: nuovo regime forfetario e agevolazioni per le Startup

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News diritto, News Fisco, News Imprese, Partita Iva e ditte individuali, Startup, Apertura partita Iva, startup

I commenti sono chiusi.