Anticipo TFS dipendenti pubblici: si può richiedere con pensione opzione donna?

L'anticipo del TFR dei dipendenti pubblici può essere richiesto da coloro che accedono alla pensione con opzione donna?

di , pubblicato il
TFR

Buongiorno, sono una dipendente della sanità pubblica che a brevissimo andrà in pensione con Opzione Donna, mi pare di capire che questa categoria di pensionate oltre ad avere le decurtazioni che tutti conosciamo non potrà usufruire dell’anticipo del TFS?

Grazie.

Anticipo TFS dipendenti pubblici

L’anticipo del Trattamento Fine Servizio previsto per i dipendenti pubblici dal DL 4/2019 riguarda non solo i dipendenti pubblici che accederanno alla pensione con quota 100.

Nel decreto, infatti, è chiaramente specificato che potranno richiedere l’anticipo del TFS per un massimo di 45mila euro, i dipendenti pubblici che accedono alla pensione con quota 100 ma anche tutti gli altri dipendenti pubblici che accedono al trattamento pensionistico secondo la normativa vigente. Questo significa che il beneficio dell’anticipo è concesso, oltre che ai pensionati con quota 100, anche a coloro che accederanno alla pensione con il trattamento di vecchiaia, la pensione anticipata, ma anche la pensione con il regime sperimentale opzione donna (visto che rientra nella normativa vigente).

Il funzionamento dell’anticipo del TFS/TFR è molto simile a quello dell’ape volontario poiché l’anticipo viene concesso tramite un prestito erogato dalle banche che, in un secondo momento (alla liquidazione vera e propria del TFR/TFS), dovrà essere restituito maggiorato degli interessi.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,