Annullamento viaggio per infortunio o malattia, come ottenere il rimborso

Il rimborso dei costi di viaggio e vacanza in caso di sopraggiunta malattia o infortunio. Cosa prevede la legge e come ottenere indietro quanto già pagato.

di , pubblicato il
Il rimborso dei costi di viaggio e vacanza in caso di sopraggiunta malattia o infortunio. Cosa prevede la legge e come ottenere indietro quanto già pagato.

Chissà a quanti sarà capitato di rinunciare a un viaggio o a una vacanza causa malattia o infortunio. Nella maggior parte dei casi chi acquista un pacchetto vacanze o un titolo di viaggio non chiede la restituzione di quanto già pagato, anche solo una caparra, credendo che l’imprevisto ricada nelle proprie responsabilità.

Ebbene, non è così. Anche in assenza di una polizza assicurativa che solitamente il tour operator fa sottoscrivere al viaggiatore proprio per superare certi inconvenienti, è possibile ottenere quanto già pagato per l’acquisto del titolo di viaggio o della vacanza, anche solo la caparra, in caso di sopraggiunta malattia o infortunio che impedisca la partenza.

Rimborso del viaggio causa forza maggiore

Ad affermarlo è il codice del turismo del 2011 che si rifà alla normativa contenuta nel codice civile del 1942 e che se la prestazione viene meno per una forza maggiore non imputabile a nessuna delle parti, il contratto si scioglie e le prestazioni eventualmente anticipate vanno restituite integralmente. Quindi, presupposto fondamentale affinché si possa ottenere il rimborso di quanto già pagato per la prenotazione della vacanza o per il viaggio è la sopravvenuta “causa di forza maggiore” che fa decadere gli obblighi sottoscritti dalle parti. La malattia e l’infortunio rientrano nella fattispecie, così come altri eventi eccezionali che rendano la prestazione di fatto impossibile per causa inevitabili e straordinarie (si pensi, ad esempio, a un terremoto o ad attentati nelle mete turistiche di destinazione). In questi casi, il consumatore avrà quindi diritto a chiedere il rimborso delle somme già versate senza il pagamento di alcuna penale. Sarà però necessario produrre adeguata documentazione a dimostrazione dell’evento improvviso di forza maggiore, cioè un certificato medico, un verbale di pronto soccorso o una cartella clinica che attestino la reale impossibilità ad intraprendere un viaggio o iniziare una vacanza già prenotata.

L’estensione della risoluzione contrattuale a familiari e amici

La problematica non è di poco conto e si estende anche a familiari e amici. Si pensi, ad esempio, a una famiglia o un gruppo di amici che hanno prenotato mesi prima una vacanza ai Caraibi spendendo migliaia di euro.

Se al figlio minore capita il morbillo, tutta la famiglia sarà costretta a restare a casa con notevole perdita economica dovendo rinunciare al viaggio. Motivo per cui, quasi tutti i tour operator chiedono quasi obbligatoriamente la sottoscrizione di una polizza assicurativa a copertura che copra, fra le altre cose, anche eventi quali la rinuncia al viaggio causa forza maggiore. Ma è bene sapere che tale assicurazione non è obbligatoria essendo già prevista dal nostro ordinamento la tutela della fattispecie in esame.

Una sentenza del giudice di Pace di Rovereto

Ciò è stato ribadito anche da una recente sentenza emessa dal Giudice di Pace di Rovereto (n. 95 del 2019) intervenuto per dirimere una controversia circa il diritto di rimborso del prezzo di un viaggio di gruppo a causa di forza maggiore (malattia del viaggiatore). Secondo il magistrato, l’agenzia di viaggi deve rimborsare a tutti i clienti la vacanza saltata perché uno di loro è stato ricoverato in ospedale prima della partenza. La grave e improvvisa malattia costituisce, quindi, una causa di risoluzione per la vendita del pacchetto turistico vista l’impossibilità di fatto degli acquirenti di godere dalla prestazione. Il che esclude l’applicazione della clausola penale prevista per il recesso. In altre parole, l’impossibilità sopravvenuta di fruire della prestazione non è addebitabile al viaggiatore in caso di malattia e determina la risoluzione del contratto.

Argomenti: ,