Andare a prostitute non è reato, ma cosa si rischia?

La prostituzione non è reato, andare a prostitute neanche, ma allora cosa rischia chi si accompagna ad una escort?

di , pubblicato il
La prostituzione non è reato, andare a prostitute neanche, ma allora cosa rischia chi si accompagna ad una escort?

Come abbiamo già scritto in un precedente articolo la prostituzione non è illegale così come non lo è andare a prostitute. Ma a questo punto non ci sono conseguenze alcune per chi decide di consumare un rapporto sessuale con una prostituta?

Per chi decide di consumare un rapporto sessuale in luogo pubblica non si sfocia sul penale pur esendoci una sanzione amministrativa (da 5mila a 10mila euro) per atti osceni in luogo pubblico.

Il reato si perpetra solo, qualora nelle vicinanze  del luogo scelto per consumare il rapporto ci siano minori (ad esempio il parcheggio della scuola o un parco giochi).

La fedina penale, quindi, in ogni caso, con l’esclusione della presenza di minori, rimane pulita così come resta pulita quella della prostituta che gira in maniera succinta al punto da offendere il decoro pubblico a patto che non compia atti contrari al pubblico pudore. Se la prostituta, quindi, non scopre parti intime del suo corpo, compresi seno e sedere,  non rischia neanche la sanzione amministrativa.

Prostitute: cosa si rischia

Come abbiamo appurato, quindi, andare a prostitute non implica nessun reato e chi lo fa non può essere schedato dalla polizia, interrogato o portato in commissariato. Anche, però, se non si commette reato, andare con una escort può, in ogni caso, comportare qualche conseguenza negativa. A livello di codice della strada, ad esempio, il conducente che accosta accanto ad una prostituta per parlarci crea pericolo e intralcio al traffico e può, quindi, essere sanzionato con una multa.

Se un cliente affezionato che visita spesso la sua prostituta preferita è solito riaccompagnarla sul luogo di lavoro, potrebbe essere ipotizzato il reato di sfruttamento della prostituzione e, in questo caso, scatterebbe la condanna penale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,