Ammortizzatori sociali in deroga rifinanziati nel 2016 dalla Legge di Stabilità

Con la Legge di Stabilità 2016 prorogati gli ammortizzatori sociali in deroga per tutto il 2016, ecco come e quando.

di , pubblicato il
Con la Legge di Stabilità 2016 prorogati gli ammortizzatori sociali in deroga per tutto il 2016, ecco come e quando.

Gli ammortizzatori sociali in deroga sono stati rifinanziati dalla Legge di Stabilità 2016 per tutto il prossimo anno al fine di favorire la transizione verso i nuovi ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro.   L’articolo 20 della Legge di Stabilità 2016 contiene il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga e riguarda le ipotesi di proroga e/o concessione del trattamento di Cassa Integrazione e mobilità in deroga dal 1 gennaio al 31 dicembre 2016.   L’intervento prevede un fondo sociale per l’occupazione e l’autorità di disporre, da parte del Ministro dell’Economia, la concessione di proroghe a trattamenti di integrazione salariale e di mobilità anche senza soluzione di continuità. Le proroghe concesse non possono essere superiori ai 12 mesi e la misura dei trattamenti è ridotta, in questi casi, del 10% alla prima proroga, del 30% alla seconda proroga e del 40% in caso di proroghe successive. In caso di proroghe successive alla seconda, i trattamenti potranno essere erogati soltanto in presenza di specifici programmi di reimpiego che mirino anche alla riqualificazione professionale.  

CIG e mobilità in deroga: quando le proroghe?

A decorrere dal 1 gennaio 2016 il trattamento di CIG in deroga può essere prorogato per un periodo non superiore a 3 mesi nell’arco dell’anno ma non può essere concesso a lavoratori che alla data di decorrenza del trattamento abbiano già beneficiato di prestazioni di mobilità in deroga per almeno 3 anni, anche non consecutivi.   Per gli altri lavoratori il trattamento può essere concesso per non più di 4 mesi, non più prorogabili, per un periodo complessivo massino di 3 anni e 4 mesi. Gli effetti delle proroghe non possono prodursi oltre la data del 31 dicembre 2016.

Argomenti: