Ammortizzatori Sociali 2016: ultima proroga per Cig e mobilità in deroga

Il Ministero del Lavoro chiarisce le novità contenute nella legge di Stabilità 2016: sia la Cig sia la mobilità in deroga non potranno essere più concesse dopo il 2016.

di , pubblicato il
Il Ministero del Lavoro chiarisce le novità contenute nella legge di Stabilità 2016: sia la Cig sia la mobilità in deroga non potranno essere più concesse dopo il 2016.

La nota del Ministero del Lavoro ricorda che il 2016 è l’ultimo anno per le integrazioni salariali in deroga, tutte le novità sono contenute nella legge di Stabilità in materia di Cig e mobilità in deroga.

Trattamento di mobilità in deroga

Il trattamento d’integrazione salariale in deroga può essere concesso o prorogato, per un periodo non superiore a tre mesi nell’arco di un anno a decorrere dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2016. Tale il trattamento di mobilità in deroga non può essere concesso ai lavoratori che alla data di decorrenza del trattamento hanno già beneficiato di prestazioni di mobilità in deroga per almeno tre anni, anche non continuativi. Per i restanti lavoratori la durata massima del trattamento è ridotta da sei a quattro mesi cui si aggiungono ulteriori due mesi nel caso di lavoratori residenti nelle aree del Mezzogiorno, per i quali il limite massimo di utilizzo rimane fissato a tre anni e quattro mesi.

Novità della Legge di Stabilità 2016 per la Cig in deroga

La legge di Stabilità per il 2016 ha provveduto al rifinanziamento della Cig in deroga con 250 milioni, con una leggera modifica alle regole fissate nell’Agosto del 2014 ( decreto interministeriale 1° agosto 2014, n. 83473) . Secondo la relazione del Governo, la modifica si è resa necessaria per consentire il transito ai nuovi ammortizzatori previsti dal Jobs Act. Infatti, a partire dal 1 gennaio 2016 saranno istituiti i fondi di solidarietà di settore, solo i datori che occupano da 5 a 15 dipendenti potranno farne uso non prima del 1° luglio 2016. I lavoratori potranno ottenere nel 2016 tre mesi di sussidio, due in meno rispetto al 2015. La legge di Stabilità applica una riduzione  anche sulla mobilità in deroga,  i lavoratori potranno usufruire del sussidio, da quest’anno, per un massimo di 4 mesi e 6 mesi nelle regioni svantaggiate.

Non sono modificate le regole d’accesso sia per Cig sia mobilità in deroga

Restano invariate le regole di accesso alla Cig e alla mobilità in deroga. Sono inclusi nei potenziali beneficiari i dipendenti, anche se apprendisti oppure impiegati con contratto di somministrazione, delle imprese che non possono fruire degli ammortizzatori ordinari, a condizione che abbiano un’anzianità lavorativa presso l’impresa di almeno 12 mesi, e che siano stati utilizzati del tutto gli altri interventi che consentono di gestire i cali di lavoro, compreso lo smaltimento delle ferie. Tuttavia viene riconosciuta la possibilità di disporre la concessione dei trattamenti di integrazione salariale e di mobilità anche in deroga ai criteri generali di cui agli art. 2 e 3 del decreto ministeriale 83473/2014, in misura non superiore al 5% delle risorse attribuite. La data di scadenza dei trattamenti Cig e mobilità in deroga è il 31 dicembre 2016. Leggi anche: Ammortizzatori sociali in deroga rifinanziati nel 2016 dalla Legge di Stabilità Ammortizzatori sociali per i lavoratori dei call center: chiarimenti dal MLPS  

Argomenti: