Amministratori condominio e corsi online: sono affidabili?

Quando un corso per svolgere l'attività di amministratore di condominio può essere considerato valido? Lo spiega la normativa.

di , pubblicato il
Quando un corso per svolgere l'attività di amministratore di condominio può essere considerato valido? Lo spiega la normativa.

Per poter assumere incarichi di amministratore di condominio è necessario seguire una formazione iniziale  tramite il superamento di un corso e del relativo esame finale.   L’articolo 5 comma 1 del decreto ministeriale 14’ del 2014 precisa che il corso di formazione iniziale deve avere una durata di almeno 72 ore prevedendo anche moduli di esercitazioni pratiche.   Il comma 4 dello steso articolo specifica che l’inizio di ogni corso per amministratori di condominio così come le modalità di svolgimento e i nominativi dei docenti formatori vanno comunicati al Ministero della giustizia entro la data di inizio del corso stesso. Il comma 5, invece,  specifica che il corso può essere svolto anche in via telematica mentre l’esame finale deve svolgersi in una sede fisica.     Il corso quindi, secondo la norma, deve essere svolto nel tempo. Qualora per corsi si intendano libri o dispense, essi non possono essere considerati validi poiché una dispensa o un testo non si svolge ma si legge e non può essere quantificato nel tempo.     Bisogna, quindi, diffidare delle offerte online che propongono come corse di moduli scritti e non corsi telematici tenuti a distanza da un tutor. Tenere sempre presenti quali sono i requisiti che la normativa vigente richiede per rendere un corso valido ai fini

Argomenti: