Allarme Fipronil nella pasta: bufala o rischio di danno economico e politico?

Allarme Fipronil: a rischio contaminazione anche la pasta? La paura potrebbe costare cara alla nostra economia e avere anche ripercussioni politiche.

di , pubblicato il
Allarme Fipronil: a rischio contaminazione anche la pasta? La paura potrebbe costare cara alla nostra economia e avere anche ripercussioni politiche.

Allarme Fipronil dalle uova alla pasta e le patate: la paura di contaminazione arriva anche in Italia e colpisce proprio uno dei prodotti base della nostra alimentazione. Ma è un allarme concreto o allarmismo? Dalla risposta a questa domanda derivano non solo conseguenze sulle abitudini alimentari ma anche sull’economia e la politica nazionali. Perché dire che mangiare la pasta non è sicuro significa colpire il prodotto gastronomico che ci ha reso più di ogni altro forse famosi in tutto il mondo.

E qualcuno dovrebbe risponderne. Qual è la versione ufficiale del Ministero della Salute sulle ultime notizie in merito alla contaminazione da Fipronil?

Fipronil, allarme arriva anche in Italia e travolge l’industria della pasta

Dicevano che la contaminazione Fipronil riguardasse solo alcuni Paesi europei e che non fosse un problema diretto in Italia. Ma le ultime notizie sul caso ci rivelano una situazione diversa. E in questo clima come fidarsi di chi dice che, se assunto in piccole dosi, il Fipronil non è tossico?

Ci sono stati sequestri di uova e prodotti derivati in Campania, nel Lazio e nelle Marche. E dalla Francia arriva la notizia della contaminazione di pasta e patate. Sarebbe un duro colpo per la sanità e l’economia in Italia. Secondo le autorità sanitarie locali, la contaminazione di questi prodotti è stata scatenata da un’azienda olandese, la Chickfriend, che produce antiparassitari nel Gelderland e che ha utilizzato proprio il pesticida incriminato per il trattamento dei parassiti. Ad oggi, i prodotti coinvolti nella contaminazione non sono distribuiti in Italia (leggi anche: Impara a leggere il guscio delle uova per capire da dove vengono).

Fipronil nella pasta: Codacons chiede le dimissioni del ministro Lorenzin

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito il Fipronil «moderatamente pericoloso». E il ministero della salute francese avrebbe assicurato che il sequestro è stato solo cautelativo. Intanto, in Italia il Codacons chiede le dimissioni immediate del ministro della salute, Beatrice Lorenzin, accusandola di non essere intervenuta nonostante la gravità del caso lasciando così che “i consumatori continuassero ad acquistare uova e prodotti composti con uova, esponendoli a un rischio diretto.

Adesso, proprio per questo motivo, tutti coloro che dovessero aver mangiato o comprato uova contaminate potranno denunciare direttamente la ministra per concorso nei reati di immissione in commercio di prodotti tossici”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,