Allarme acqua supermercato: rischi e multe per le bottiglie sotto al sole

Acqua al supermercato: allarme sulle bottiglie lasciate al sole. C'è bisogno di preoccuparsi? Ecco cosa rischia il gestore non attento alla salute dei clienti.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Acqua al supermercato: allarme sulle bottiglie lasciate al sole. C'è bisogno di preoccuparsi? Ecco cosa rischia il gestore non attento alla salute dei clienti.

Quando si sceglie l’acqua in bottiglia al supermercato, naturale o frizzante che sia, oltre che al prezzo probabilmente si presta, giustamente, molta attenzione all’etichetta sulla bottiglia che illustra le proprietà dell’acqua in questione. Ma i più attenti si sono anche chiesti se tutto questo abbia senso nel momento in cui non è dato sapere in quali condizioni viaggiano le bottiglie di plastica fino al supermercato. L’acqua lasciata sotto al sole o nei magazzini pieni di polvere per giorni o addirittura settimane conserva ancora le sue proprietà in bottiglia? Un allarme sull’acqua in bottiglia al supermercato che ciclicamente viene risollevato, non a caso in estate quando la temperatura sale e il problema quindi è più sentito.

Immaginiamo che guidando nel traffico passiate davanti all’entrata secondaria di un supermercato e assistiate al momento in cui i magazzinieri scaricano le casse d’acqua sotto al sole. Probabilmente vi verrà spontaneo chiederti se c’è il rischio quando si fa spesa proprio di comprare una delle bottiglie di plastica lasciate sotto al sole.
La legge tutela la salute dei clienti riconoscendo che lasciare le bottiglie di acqua esposte ai raggi del sole e alle alte temperature costituisce reato. Su questo assunto la Corte di Cassazione di recente ha condannato un esercente “per avere detenuto per la vendita, in cattivo stato di conservazione, più confezioni di acqua collocandole nel piazzale antistante l’immobile, esponendole alla luce del sole”, questo quindi indipendentemente dalla circostanza che il danno si sia concretamente verificato oppure resti un rischio ipotetico e astratto. Anche se nessun cliente si sente male dopo averla bevuta, l’acqua (così come la merce in genere) lasciata in cattivo stato di conservazione rappresenta un illecito.

L’acqua in bottiglia può nascondere dei rischi? Bufale e allarme

Ma aldilà del reato, bisogna veramente preoccuparsi o sono allarmismi esagerati basati su bufale? Alcuni studi confermano che il polietilene tereftalato nelle confezioni a contatto con fonti di calore rilascia delle sostanze chimiche come l’antimonio o il bisfenolo A o BPA. Ma del resto aldilà dell’allarme per l’acqua in bottiglia, forse perché è il bene di più largo consumo, tutti i liquidi confezionati possono subire alterazioni. Intuitivamente il problema riguarda il consumo prolungato nel tempo e per grandi quantità quindi usi sporadici non dovrebbero destare allarme e va anche detto che i produttori delle migliori acque in commercio sono molto attenti alla qualità del prodotto ma del resto è intuibile che non possono controllare ogni fase del trasporto fino al posizionamento sugli scaffali del supermercato. Aldilà degli allarmismi esagerati da evitare, la legge è piuttosto severa: non sono mancati i casi in cui i Nas hanno sequestrato le bottiglie lasciate al sole. L’accusa in questo caso è di detenzione in cattivo stato di conservazione di acqua in bottiglia destinata alla vendita (così sentenza Cassazione n. 39037/2018 del 28 agosto 2018)

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Normativa e Prassi, Allerta cibi contaminati