Aliquota Iva 10% applicata al controllo caldaie periodico

Aliquota Iva 10% applicata anche agli interventi di controllo caldaie da eseguirsi obbligatoriamente e periodicamente. Lo chiariscono le Entrate con la risoluzione n. 15/E

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Aliquota Iva 10% applicata anche agli interventi di controllo caldaie da eseguirsi obbligatoriamente e periodicamente. Lo chiariscono le Entrate con la risoluzione n. 15/E

Aliquota Iva agevolata al 10%. Applicazione dell’agevolazione Iva 10% al controllo caldaie obbligatorio e periodico, sia per condomìni che per case private.

Aliquota Iva 10%

La risoluzione n. 15/E dell’Agenzia delle entrate del 4 marzo 2013, rispondendo ad un interpello ai sensi dell’articolo 11 della legge n. 212 del 2000, sugli interventi di manutenzione ordinaria  e applicazione Iva 10%, fornisce delle importanti precisazioni in merito alla revisione periodica obbligatoria degli impianti di riscaldamento, condominiali o ad uso esclusivo, installati in fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata.

Aliquota Iva 10%, la risoluzione delle Entrate

L’Agenzia delle entrate infatti chiarisce che ai sensi dell’articolo 7, comma 1, lettera b), della legge 23 dicembre 1999, n. 488, “le prestazioni aventi per oggetto interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’articolo 31, primo comma, lettere a), b), c) e d), della legge 5 agosto 1978, n. 457, realizzati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata” sono soggette all’applicazione Iva 10%., l’aliquota Iva agevolata quindi. L’articolo 31 della legge 5 agosto 1978, n. 457, cui rinvia la norma in esame, recante la definizione delle varie tipologie di interventi di recupero del patrimonio edilizio, è stato trasfuso nell’articolo 3 del DPR 6 giugno 2001, n. 380, contenente il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. Tale Testo Unico rappresenta, pertanto, la normativa di riferimento per l’individuazione delle  tipologie di interventi agevolati.

Controllo caldaie e applicazione Iva 10%

Tra le prestazioni agevolate rilevano  gli interventi di manutenzione ordinaria, vale a dire quelli che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti, così anche alle prestazioni di manutenzione obbligatoria, ossia il controllo caldaie, consistente in verifiche periodiche e nel ripristino della funzionalità, compresa la sostituzione delle parti di ricambio in caso di usura, a fronte delle quali vengono corrisposti canoni annui.  

Ciò vuole dire in sostanza che al controllo caldaie periodico, sia inseriti in condomini che in case private singole,  poiché rientra negli interventi di manutenzione ordinaria, costituiscono prestazioni di servizi soggette all’aliquota Iva 10%.

Di conseguenza l’eventuale richiesta di rimborso Iva  addebitata agli utenti in misura eccedente il 10 per cento, da presentarsi entro due anni dal versamento dell’imposta applicata nella misura ordinaria, potrà essere soddisfatta solo a condizione che il prestatore di servizi dimostri l’effettiva restituzione del tributo agli utenti e nel limite della somma effettivamente restituita a questi ultimi. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Normativa e Prassi, Tasse e Tributi