Agevolazioni Iva e detrazioni Irpef per i disabili – Legge 104

Ecco le agevolazioni Iva e le detrazioni Irpef per i disabili stabilite dalla legge 104.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Ecco le agevolazioni Iva e le detrazioni Irpef per i disabili stabilite dalla legge 104.

La normativa tributaria presta un impegno particolare alle persone con disabilità, stabilendo numerose agevolazioni fiscali,  sconti  Irpef  e  l’ Iva sugli acquisti ad un’aliquota agevolata che sono stabilite nell’articolo 3 della legge 104 del 1992.  Le agevolazioni non possono essere usufruite da tutti, ci sono alcune che sono destinate a persone con disabilità particolari.     Le agevolazioni per l’acquisto di veicoli sono:

  • Detrazione Iperf al 19%;
  • Iva agevolata al 4% anzichè il 22%;
  • Esenzione dal bollo auto;
  • Esenzione dell’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà.

Le agevolazioni per il settore auto spettano:

  • ai non vedenti e sordi;
  • ai disabili con handicap psichico o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento;
  • ai disabili con grave capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni riconosciuti affetti da handicap grave;
  • ai disabili con ridotte o impedite capacità motorie non affetti da handicap grave.

I disabili con capacità motorie ridotte,  possono usufruire dell’agevolazione solo con l’adattamento del veicolo. I veicoli agevolabili sono: autovetture, autoveicoli promiscui per trasporto di persone e cose, autoveicoli specifici, autocaravan, motocarrozzette, motoveicoli promiscui, motoveicoli specifici. Per gli autocaravan l’agevolazione consiste solo nella detrazione Irpef del 19%. I non vedenti e i sordi  possono usufruire delle agevolazioni solo sulle autovetture, sugli autoveicoli promiscui, sugli autoveicoli specifici e sugli autocaravan.

Agevolazioni acquisto sussidi tecnici informatici

Tra i beni soggetti alla detrazione Irpef del 19% e all’Iva agevolata al 4% ,anziché quella ordinaria al 22%, rientrano altri mezzi di ausilio e sussidi tecnici e informatici.     Per i sussidi tecnici ed informatici indicati nell’articolo 3 della legge n. 104 del 1992, rientrano le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie elettroniche, informatiche o meccaniche, di facile reperibilità o costruite appositamente, come ad esempio, l’acquisto di un fax, di un computer, di un modem, di un telefono a viva voce, eccetera.     I sussidi tecnici e informatici devono essere utilizzati per migliorare la qualità di vita della persona che abbia limitazioni permanenti di natura motoria, uditiva, visiva e di linguaggio. L’utilizzazione dei sussidi deve facilitare la comunicazione interpersonale, il controllo dell’ambiente, l’accesso all’informazione e alla cultura, l’elaborazione scritta o grafica.     Per poter usufruire dell’agevolazione dell’Iva al 4%, i disabili (riconosciuti tali ai sensi dell’articolo 3 della legge 104 del 1992) devono consegnare al venditore la seguente documentazione:

  • specifica prescrizione medica rilasciata dal medico specialista dell’Asl di appartenenza, dalla quale risulti la menomazione e il beneficio che potrà apportare l’ausilio di un sussidio tecnico o informatico
  • certificato medico, rilasciato dall’Asl di competenza, attestante l’esistenza dell’invalidità funzionale permanente, ed esattamente: di tipo visivo, motorio, uditivo o del linguaggio.

Altre spese e beni su cui poter ottenere le agevolazioni:

Spese per l’acquisto di un cane guida per i non vedenti,  spetta la detrazione del 19% .   Per le spese Sanitarie spetta una deduzione delle spese mediche generiche e di assistenza specifica dell’intero importo. Si considerano spese mediche generiche, le spese per prestazioni rese da un medico generico e le spese per i medicinali. Si considerano spese di assistenza specifica,  le spese sostenute per l’assistenza infermieristica e riabilitativa, prestazioni fornite dal personale con qualifica professionale di addetto all’assistenza di base o di operatore tecnico assistenziale.     Altri beni soggetti ad Iva agevolata del 4% e ad  una detrazione dell’Irpef del 19% delle spese sostenute sono:

  • Le protesi e gli ausili per le menomazioni funzionali permanenti (letti e materassi ortopedici terapeutici ed antidecubito, cuscini antidecubito, carozzine, pannoloni per incontinenti, ecc.)
  • Gli apparecchi usati per compensare una deficienza o una infermità, per facilitare l’audizione ai sordi, altri apparecchi da tenere in mano o da inserire nell’organismo o da portare in mano
  • Le poltrone per gli invalidi, con o senza motore, compresi i servoscala, e altri mezzi simili al superamento delle barriere architettoniche per i soggetti che hanno una ridotta capacità motoria

Questa è una breve panoramica delle spese che possono effettuare le persone disabili secondo l’articolo 3 della legge n. 104 del 1992.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Agevolazioni fiscali disabili, Legge 104