Agevolazioni fiscali: i tagli colpiranno i redditi più bassi?

Gli imprenditori cercano di salvaguardare la deduzione Irap inerente il cuneo fiscale

di Alessandra M., redazione Investireoggi.it, pubblicato il
Gli imprenditori cercano di salvaguardare la deduzione Irap inerente il cuneo fiscale

Obiettivo reperimento delle risorse finanziarie – A breve potrebbe essere rese pubblico il lavoro fatto dagli esperti fiscali in merito ai tagli delle agevolazioni predisposto dall’esecutivo con la recente manovra finanziaria. In particolare con l’esecutivo alle prese con il varo della legge di stabilità e con il decreto sviluppo, si potrebbe capire da dove il governo riuscirà a reperire le risorse finanziare per finanziare non solo il pareggio di bilancio previsto ma anche gli interventi in materia di infrastrutture e di sgravi contributivi in materia di lavoro. La posta in gioco è abbastanza alta visto che parliamo di oltre 600 agevolazioni ed i contenuti della relazione saranno prettamente tecnici ed interesseranno successivamente anche gli interventi di tipo politico da prendere.

Come verranno decisi i tagli – Pertanto dai contenuti espressi dagli esperti fiscali ai vari rappresentanti delle associazioni di categoria si capirà come verranno effettuati i tagli. Inizialmente il criterio scelto per operare i tagli dovrebbe seguire un ordine di priorità, inserendo tra le agevolazioni su cui sono possibili solo modifiche di piccole entità quelle poste a tutela dei principi costituzionali ( come ad esempio le detrazioni familiari).

Deduzione Irap cuneo fiscale: le lamentele degli imprenditori – Sul fronte delle agevolazioni concesse alle imprese le maggiori associazioni di imprenditori sono invece impegnate a non fare effettuare tagli significativi alle agevolazioni inerenti la competitività per le imprese ( in particolare si tenta di preservare la deduzione irap inerente il cuneo fiscale). Una delle proposte mira a far rivedere l’articolo 13, in modo tale che la misura passi da una misura che alleggerisce il carico impositivo delle imprese ad una misura volta a rafforzare il livello produttivo e la competitività delle imprese. La modifica avrebbe una valenza significativa, visto che il cambio di denominazione potrebbe permettere di far rientrare tale tipo dia agevolazione in quelle sulle quali non è effettuabile uno sfoltimento.

Agevolazioni fiscali casa – Tra le agevolazioni una fetta significativi appartiene al tema casa, che potrebbe essere rivisto. Dopo che da più punti sono arrivate diverse voci sulla possibilità di reintrodurre l’ici anche per la prima casa, vi è un gruppo di studio in merito alla possibilità di rivedere la rivalutazione delle rendite catastali. Oltre questo vi sono diverse agevolazioni inerenti il pianeta casa che potrebbero rientrare nel novero di quelle “sforciabili” e pertanto occorrerà effettuare un riordino serio in materia che tenga conto anche della valenza sociale delle agevolazioni ( ci riferiamo ad esempio alla detrazione sui mutui contratti per acquisto abitazione principale e su tutte quelle gravitanti sulla prima casa).

Più tasse per chi paga di meno – Tuttavia occorre pensare ad una seria revisione del sistema fiscale, in quanto è stato stabilito che in caso di mancata riforma fiscale il taglio sarà lineare per tutte le agevolazioni fiscali, senza quindi effettuare dei distinguo sulla valenza sociale dell’agevolazione. In questo modo si avrebbe una riduzione del 5 per cento di tutte le agevolazioni già nel 2012 ed un successivo taglio del 20 per cento nel 2013. In questo modo il conto sarebbe pagato per la maggior parte dai redditi medio bassi. Infatti da ricerche fatte proprio dal centro studi della Corte dei Conti un’ intervento di questo genere comporterebbe un’ aggravio della pressione fiscale del 2,5 per cento per i redditi sotto i 12 mila euro, ed un’ aumento di tasse di solo lo 0,3 per cento per i contribuenti che denunciano al fisco oltre 200 mila euro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bonus e detrazioni

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.