Agevolazioni buoni pasto 2015: gli incentivi agli e-ticket

Dal 1 luglio potrebbero cambiare le agevolazioni legate agli e ticket portando vantaggi sia per i datori di lavoro che per i dipendenti.

di , pubblicato il
Dal 1 luglio potrebbero cambiare le agevolazioni legate agli e ticket portando vantaggi sia per i datori di lavoro che per i dipendenti.

A partire dal 1 luglio potrebbero arrivare nuovi vantaggi legati ai buoni pasto se si decide di utilizzare i ticket elettronici. A questi ultimi, infatti, potrebbe essere riservata una esenzione fiscale e contributiva rispetto a quelli cartacei.   I buoni pasto elettronici porterebbero vantaggi sia per il datore di lavoro che per i lavoratori poiché verrebbe data la possibilità di aumentarne l’importo a 7 euro.   La novità, introdotta dalla legge di Stabilità 2015 modifica l’articolo 51 del TIUR che prevede che i buoni pasto, erogati in sostituzione della mensa aziendale, non vadano a contribuire alla formazione del reddito per importi non superiori a 5,29 euro. In questo modo il legislatore punta a incentivare l’utilizzo dei ticket restaurant elettronici tramite card che possono essere lette da appositi POS, per ridurre sia la burocrazia legata ai buoni pasto, sia per rilanciare i consumi sia per velocizzare la fatturazione.   Per comprendere cosa significhi il rilancio dei consumi attraverso i buoni pasto va tenuto conto che tale mercato nel nostro Paese ha un valore stimato attorno ai 3,4miliardi di euro alimentati dai 500milioni di buoni pasto consegnati ogni anno a 2,5 milioni di lavoratori, la maggior

Argomenti: