Agenzie viaggio e tour operator: entro il 9 ottobre la domanda per il contributo a fondo perduto ad hoc

Le agenzie di viaggio e tour operator possono fare richiesta per il contributo a fondo perduto di cui all’art. 182 del decreto Rilancio il quale integra ma non sostituisce quello di cui all’art. 25 dello stesso decreto

di , pubblicato il
Le agenzie di viaggio e tour operator possono fare richiesta per il contributo a fondo perduto di cui all’art. 182 del decreto Rilancio il quale integra ma non sostituisce quello di cui all’art. 25 dello stesso decreto

Scade il 9 ottobre 2020 il termine di presentazione per la domanda di contributo a fondo perduto istituito con il decreto Rilancio in favore di agenzie di viaggio e tour operator in considerazione dell’impatto economico negativo conseguente all’adozione delle misure di contenimento del Covid-19 (art. 182, comma 1, decreto Rilancio).

Veniva demandato ad un decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo (MiBACT) la definizione delle modalità di ripartizione e assegnazione delle risorse stanziate per tale beneficio. È così arrivato il decreto ministeriale 12 agosto 2020.

Contributo fondo perduto agenzie di viaggio e tour operator: requisiti di domanda

I soggetti beneficiari del contributo sono le agenzie di viaggio e i tour operator, che, al momento della presentazione dell’istanza, esercitano attività di impresa primaria o prevalente identificata dai codici ATECO 79.1, 79.11 e 79.12. Tali soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • iscrizione al Registro delle imprese con i codici ATECO di cui sopra;
  • essere impresa attiva e non avere procedure concorsuali in corso;
  • avere sede legale in Italia;
  • essere in regola con gli obblighi di protezione in caso di insolvenza o fallimento;
  • non essere destinatari di sanzioni interdittive;
  • essere in regola con gli obblighi in materia previdenziale, fiscale, assicurativa;
  • assenza di condizioni ostative alla contrattazione con le pubbliche amministrazioni.

Importo spettante del contributo a fondo perduto agenzie viaggio e tour operator

In merito all’ammontare del contributo spettante, questi è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi dal 23 febbraio 2020 al 31 luglio 2020 e l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del corrispondente periodo del 2019 come segue:

  • 20% per i soggetti con ricavi non superiori a 400 mila euro nel periodo d’imposta 2019;
  • 15% per i soggetti con ricavi superiori a 400 mila euro e fino a un 1 milione di euro nel periodo d’imposta 2019;
  • 10% per i soggetti con ricavi superiori a 1 milione di euro e fino a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019;
  • 5% per i soggetti con ricavi superiori a 50 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019.

Si tenga presente che il contributo in commento integra (e non sostituisce) quello eventualmente ricevuto ai sensi dell’art. 25 dello stesso decreto Rilancio. Ne consegue che, la base di calcolo per la determinazione del contributo teorico in commento spettante va individuata al netto del contributo a fondo perduto eventualmente riconosciuto ai sensi del citato art. 25 (le cui domande di accesso si sono chiuse il 13 agosto 2020 per la generalità degli aventi diritto ed il 24 agosto 2020 per gli eredi).

Contributo fondo perduto agenzie viaggio e tour operator: modalità e termini di domanda

Per l’accesso al contributo in esame è necessario presentare apposita istanza. Quest’ultima è effettuata attraverso una procedura automatizzata, compilando il format disponibile nello sportello telematico appositamente predisposto, raggiungibile all’indirizzo https://sportelloincentivi.beniculturali.it

La finestra temporale per la presentazione della richiesta si è aperta il 21 settembre 2020 (ore 10:00), e durerà 15 giorni lavorativi, dunque fino al 9 ottobre 2020 (ore 17:00). Il calcolo del contributo teorico spettante viene eseguito direttamente dal sistema e visualizzato sullo schermo.

L’erogazione dei contributi è disposta con decreto del Direttore Generale Turismo a seguito dell’istruttoria effettuata sulle istanze pervenute, mediante un servizio di retrosportello appositamente progettato, entro il termine di 30 giorni lavorativi dalla data ultima di presentazione delle istanze.

Si tenga, comunque, presente che l’erogazione del contributo ai beneficiari è effettuato subordinatamente alla verifica della regolarità contributiva dell’impresa richiedente e che in caso di revoca del contributo (a seguito di controlli dell’Amministrazione finanziaria) si procederà al recupero delle somme eventualmente già percepite, maggiorate degli eventuali interessi e fatte salve le sanzioni di legge.

Potrebbero anche interessarti:

 

Argomenti: ,