Agenzia delle uscite: occhi puntati sulla spesa pubblica

I dottori commercialisti presentano una proposta di legge che prevede, a costo zero e senza spese per lo Stato, la nascita dell'Agenzia delle uscite che avrà il compito di monitorare e contenere la spesa pubblica

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
I dottori commercialisti presentano una proposta di legge che prevede, a costo zero e senza spese per lo Stato, la nascita dell'Agenzia delle uscite che avrà il compito di monitorare e contenere la spesa pubblica

Nell’epoca della spending review, accanto all’Agenzia delle entrate, i commercialisti avanzano la proposta di legge sull’Agenzia delle uscite, che monitorerebbe la spesa pubblica, al fine di un suo contenimento.

 

 Disegno di legge Agenzia delle uscite

60 miliardi. E’ questa la cifra a cui ammonterebbero sprechi e inefficienze nel settore pubblico, secondo gli ultimi dati diffusi dalla Corte dei Conti, a dispetto dei 293 milioni recuperati dalla Corte nel 2010. Sulla base di ciò i commercialisti, rappresentati da Claudio Siciliotti, avanzano l’idea di una cosiddetta Agenzia delle uscite, con il compito prevalente di occuparsi della lotta agli sprechi nel gestire la cosa pubblica. Così proprio nella giornata di ieri è stato depositato un disegno di legge recante l’istituzione dell’Agenzia delle uscite.

 

Agenzia delle uscite: cos’è?

A spiegare cosa serva l’Agenzia delle uscite è lo stesso Siciliotti che afferma “Se un titolare di partita IVA non effettua in via telematica, alle prescritte scadenze, le comunicazioni dei dati che gli vengono richiesti dall’Agenzia delle Entrate per una più efficace lotta all’evasione – osserva Siciliotti – è soggetto a rilevanti sanzioni pecuniarie. Cosa succede – chiede il presidente dei commercialisti – al dirigente di un’Amministrazione o di un Ufficio che fornisce dati incompleti o reticenti sugli incarichi dei dirigenti, sul parco autovetture a disposizione o su altre voci che gli vengono richieste ai fini di un puntuale censimento finalizzato ad una più efficace lotta agli sprechi e alle doppie o triple remunerazioni?”.

 

Agenzia delle uscite: cosa fa

Andando più nello specifico allora, l’Agenzia delle Uscite, si configura come un organismo permanente che ha il potere di richiedere alle amministrazioni e agli enti la comunicazione in via telematica di tutti i dati utili al fine del costante monitoraggio della spesa pubblica. Si pensi ai dati riguardanti le auto blu, i doppi incarichi, i debiti non ancora pagati alle imprese, ecc. Sulla base di ciò si potrà creare una sorta di Anagrafe della Pubblica Amministrazione che si affiancherà a quella già in vita dell’Anagrafe tributaria. In particolare spetta all’Agenzia delle Uscite il potere di irrogare le sanzioni pecuniarie nei confronti di chi omette le dichiarazioni telematiche, oppure le presenti con dati incompleti o non veritieri. Irrogazione di sanzioni anche nei confronti di chi materialmente dissipa risorse pubbliche eventualmente risultante dalle dichiarazioni inviate. Nel disegno di legge presentato proprio ieri si prevede che il provvedimento di condanna emesso nei riguardi di chi dissipa le risorse pubbliche, potrà essere impugnato dinanzi  alla Corte dei conti, ma immediatamente esecutivo per il pagamento di almeno il 30% dell’entità della sanzione pecuniaria irrogata, così come avviene per gli avvisi di accertamento dell’Agenzia delle entrate.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Normativa e Prassi, Tasse e Tributi

I commenti sono chiusi.