Affitti in nero: in arrivo 60mila lettere per anomalie sui redditi 2012

In arrivo 60mila lettere dall'Agenzia delle Entrate per chi non ha dichiarato nel 2012 i redditi da locazione per affitti in nero.

di , pubblicato il
In arrivo 60mila lettere dall'Agenzia delle Entrate per chi non ha dichiarato nel 2012 i redditi da locazione per affitti in nero.

Per chi percepisce, o ha percepito in passato, redditi da affitti in nero sono in arrivo da parte dell’Agenzia delle Entrate delle contestazioni in cui si segnala l’anomalia sui redditi 2012.

A chiarirlo la stessa amministrazione finanziaria che ha diffuso un comunicato stampa in cui avvisa i contribuenti che sta per inviare 60mila lettere ai contribuenti che nel 2012 hanno percepito redditi da locazione senza dichiararli all’Agenzia delle Entrate (o dichiarandoli parzialmente).

Lettere dell’Agenzia delle Entrate: per quali contribuenti?

Nelle lettere inviate dall’Agenzia delle Entrate sono contenute tutte le informazioni per permettere ai contribuenti di rimediare all’errore presente nella dichiarazione 2012 attraverso il ravvedimento operoso.

L’Agenzia delle Entrate, per facilitare il compito dei contribuenti nel calcolo delle sanzioni e degli interessi, anche in caso di cedolare secca, ha aggiornato il calcolatore online «Calcolatore sanzioni ed interessi infedele dichiarazione ravvedimento operoso anno d’imposta 2012» che permette di calcolare velocemente anche le sanzioni ridotte del ravvedimento operoso per le dichiarazioni dei redditi del 2012.

Lettere dell’Agenzia delle Entrate: cosa contengono?

Con questa prima tranche di lettere l’Agenzia comunica ai contribuenti tutte le informazioni sui redditi derivanti dalle locazioni che non risultano dichiarati, (affitti in nero)  o dichiarati solo in parte, nella dichiarazione dei redditi 2013 riferita, quindi, ai redditi 2012.

Se il contruente riconosce che l’errore segnalato è veritiero può correggerlo tramite il ravvedimento operoso e presentando una dichiarazione integrativa. Per effettuare il pagamento della maggiore imposta dovuta comprensiva di sanzione e interessi, poi, si dovrà utilizzare il modello F24 indicando in esso il codice riportato il alto a sinistra sulla lettera.

La lettera dell’Agenzia delle Entrate consente al contribuente di regolarizzare gli eventuali errori fruendo della sanzione ridotta per dichiarazione infedele attraverso l’utilizzo del ravvedimento operoso.

Argomenti: , ,