Adempimenti fiscali da tagliare. Arriva la semplificazione per i contribuenti

Adempimenti fiscali sotto la scure del Fisco che intende tagliarne ben 108 per alleggerire il peso fiscale

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Adempimenti fiscali sotto la scure del Fisco che intende tagliarne ben 108 per alleggerire il peso fiscale
In vista tagli degli adempimenti fiscali a carico dei contribuenti sempre più oppressi dalla pressione fiscale

Adempimenti fiscali a carico dei cittadini/contribuenti sotto la lente del Fisco. Sono in totale  108 gli adempimenti fiscali stilati dall’Agenzia delle Entrate che verranno a breve tagliati per allentare il peso fiscale posto a carico dei contribuenti, intesi sia come privati che come imprese.

Adempimenti fiscali: 108 a rischio soppressione

Proprio oggi l’Agenzia delle entrate guidata da Attilio Befera ha spedito una missiva a tutte le associazioni di categoria, da Adiconsum ad Altroconsumo, Ancit, Anci, Abi, Confidustria, Codacons, Confimi, Confagricoltura, Coldiretti, ecc, ad oggetto la rilevazione degli adempimenti fiscali posti a carico dei cittadini. Abilitazione ai servizi telematici, attribuzione codice fiscali, partita Iva, richiesta di identificazione diretta ai fini Iva, iscrizione negli elenchi di ripartizione del 5 per mille, richiesta attribuzione credito di imposta, richiesta all’autorizzazione dell’esercizio ad attività fiscale,  bollo virtuale, dichiarazione imposta sostitutiva sui mutui e tanti altri sono gli adempimenti fiscali oggetto del taglio con le semplificazioni varate dal Governo tecnico.

La lettera alle associazioni di categoria

Un contributo chiesto alle associazioni di categoria per individuare altri adempimenti fiscali che possono essere soppressi. Per Befera, l’Amministrazione finanziaria deve ascoltare i contribuenti  ed essere in grado di saper ascoltare fino in fondo le ragioni dei contribuenti, così si legge nella lettera. “L’azione dell’Agenzia, ancor più in una situazione di complessità e difficoltà interpretative del sistema fiscale, deve essere guidata da principi di equilibrio, misura e ragionevolezza».  Le stesse associazioni dovranno mettersi a lavoro e rispondere entro il 19 ottobre sempre all’Agenzia delle Entrate per arrivare nel giro di pochi giorni al taglio degli adempimenti fiscali con la semplificazione.

Pressione fiscale alle stelle

Oneri e adempimenti fiscali che rendono sempre più pesante la pressione fiscale. “Pressione fiscale non sostenibile nel lungo periodo e  compatibile con una crescita economica che non sia il mezzo punto l’anno di Pil”. Ad affermarlo il vice direttore generale della Banca d’Italia, Salvatore Rossi, in audizione alla Camera dove ha parlato di riduzione delle spese e delle tasse. «Continuiamo a dire – ha rilevato – che bisogna che a un certo punto la pressione fiscale pieghi». Fa eco alle parole del vice direttore Rossi, anche Giampaolino, Presidente della  Corte dei Conti, secondo cui c’è il rischio di un corto circuito fra inasprimenti fiscali e crescita. Bankitalia ritiene che la sfida debba essere quella di “abbassare la pressione fiscale sui contribuenti in regola, sul lavoro, sulle imprese”. Il taglio degli adempimenti fiscali si colloca nella strada del risanamento? Staremo a vedere.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi