Addio Equitalia: al suo posto arriva Equientrate

Equitalia sarà abolita entro fine anno, al suo posto ci sarà Equientrate ma non cambierà niente.

di , pubblicato il
Equitalia sarà abolita entro fine anno, al suo posto ci sarà Equientrate ma non cambierà niente.

L’addio ad Equitalia sembra ormai certo entro la fine dell’anno ma questo non significa che non ci sarà un organo di riscossione dei crediti. Al posto di Equitalia, infatti, dovrebbe nascere un dipartimento interno all’Agenzia delle Entrate che riscuoterà non solo i crediti dell’Agenzia ma anche di altre publiche amministrazioni.

Il nuovo dipartimento avrà il nome di Equientrate, nato dalla fusione di Equitalia con l’Angenzia delle Entrate le cui regole saranno inserite nella Legge di Stabilità 2017, anch’essa riformata che si chiamerà Legge di Bilancio.

Le funzioni di Equitalia, quindi, non moriranno completamento, così come non moriranno i suoi metodi e i suoi crediti, a cambiare sarò solo chi muoverà le fila delle riscossioni, ovvero l’Agenzia delle Entrate.

Il dubbio che sorge, a questo punto, si solleva prendendo in considerazione i tempi che serviranno per il passaggio di consegne da Equitalia a Equientrate per avviare l’attività di riscossione vera e propria. Viste le lungaggini burocratiche che caratterizzano, da sempre, la pubblica amministrazione quando è interessata da cambiamenti, si ipotizza che molte saranno le prescrizioni che si verificheranno per i crediti pendenti. Questo potrebbe, però, portare ad alleggerimenti fiscali a carico di molti contribuenti e molti saranno gli italiani che potrebbero avvantaggiarsi dell’incapacità della pubblica amministrazione di affrontare cambiamenti radicali.

Tra le altre cose allo studio con la riforma in oggetto, c’è l’idea di eliminare del tutto l’aggio lasciando solo gli interessi legali. L’obiettivo dell’abolizione di Equitalia, che a quanto pare costa troppo, è quella di ridurre i costi del recupero crediti di circa il 30% assegnando il compito della riscossione ad una struttura completamente statale, ma resta il problema di come gestire i circa 8mila dipendenti di Equitalia che dovrebbero migrare all’interno delle pubbliche amministrazioni. Per fare ciò, però, costituzionalmente sarebbe necessario un concorso pubblico mentre tali dipendenti sono stati assunto con chiamata diretta e contrattualizzati con contratti dei bancari. Anche questo problema, quindi, dovrà essere risolto.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,