Accordo per spese di mantenimento: vale il silenzio assenso?

Spese straordinarie di mantenimento: senza accordo non è mai possibile recuperare il 50% se non era una cosa urgente?

di , pubblicato il
Spese straordinarie di mantenimento: senza accordo non è mai possibile recuperare il 50% se non era una cosa urgente?

“Ho chiesto al mio ex marito il consenso per alcune spese specialistiche per nostra figlia. Lui mi ha risposto telefonicamente che era d’accordo. Quando sono andata a presentare fattura questa settimana, però, ha negato tutto rifiutandosi di coprire la sua quota.

Ho saputo più tardi che ha perso un grosso affare a lavoro quindi evidentemente ora cerca di tagliare le spese di mantenimento. Può fare così?”

In linea di massima le spese straordinarie per il mantenimento dei figli, quindi, quelle che esulano dall’assegno ordinario, devono essere accordate da entrambi i genitori. Questo a meno che non abbiano particolare carattere di urgenza.

Leggi anche:

Mantenimento figli senza accordo: che cosa prevedono i protocolli dei tribunali

Mantenimento figli: l’assegno spetta per intero tutti i mesi

Consenso sulle spese straordinarie: vale il silenzio assenso?

Il genitore non collocatario che non è d’accordo con le spese straordinarie richieste dall’altro, dovrà esprimere dissenso motivato rispondendo alla richiesta scritta dell’altro (si intendono come tali anche email, sms, chat etc). Il termine di risposta è di 20 giorni. Trascorsa questa richiesta scatta il silenzio assenso quindi la spesa straordinaria si intende accordata.

Spese straordinarie di mantenimento: entro quando vanno pagate?

Esiste anche un termine entro il quale la spesa straordinaria, concordata e documentata, va saldata al genitore che ha anticipato l’importo.

Il rimborso pro quota spetta entro un mese dalla presentazione dei documenti che certificano la spesa.

Conclusioni: accordo scritto e silenzio assenso

Rispondendo al quesito, quindi, possiamo confermare che il dissenso immotivato e dato ex post non è valido. In tali ipotesi è previsto il silenzio assenso, a patto che la richiesta di accordo fosse stata inviata per scritto (cosa che si consiglia sempre di fare anche in vista di ipotetiche esigenze future). Soprattutto quando si tratta di spese sanitarie, il buon senso per il bene dei figli dovrebbe sempre essere la prima regola.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.


Non si forniscono risposte in privato.”

Argomenti: , , ,