Accertamenti e verifiche fiscali: l’Agenzia delle Entrate anticipa il Governo

L’Ade gioca d’anticipo e, attraverso il comunicato del direttore generale delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, viene disposta la sospensione delle verifiche e degli accertamenti fiscali.

di , pubblicato il
L’Ade gioca d’anticipo e, attraverso il comunicato del direttore generale delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, viene disposta la sospensione delle verifiche e degli accertamenti fiscali.

Il governo ha da poco stanziato ben 25 miliardi di euro, una misura senza precedenti, grazie alla quale, come dichiarato dallo stesso Premier Conte, verranno messi in atto meccanismi di aiuto alle imprese e alle famiglie.

Si è parlato a lungo del blocco del pagamento delle tasse, ma ad oggi ancora nulla di ufficiale. La svolta, in questo senso, potrebbe arrivare già a partire da oggi, 13 marzo, in cui dovrebbe essere presentato un nuovo decreto contenente le misure economiche necessarie per il contenimento degli effetti di questa crisi.

Sospensione degli accertamenti

In attesa del nuovo decreto, probabilmente in arrivo nella giornata di oggi, l’Ade anticipa il Governo e predispone la sospensione degli accertamenti e delle verifiche fiscali, ma non solo.

A seguito del comunicato stampa del 12 marzo 2020, l’Agenzia delle Entrate dispone quanto segue: “sono sospese le attività di liquidazione, controllo, accertamento, accessi, ispezioni e verifiche, riscossione e contenzioso tributario da parte degli uffici dell’Agenzia delle Entrate a meno che non siano in imminente scadenza (o sospesi in base a espresse previsioni normative). È questa in sintesi una delle disposizioni contenute dalla direttiva firmata dal direttore generale delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, a seguito del Dpcm dell’11 marzo 2020 per il contrasto alla diffusione del Coronavirus”.

La vera e propria svolta, in ogni caso, potrebbe arrivare già a partire da oggi, 13 marzo, giorno in cui dovrebbe essere presentato un nuovo decreto contenente le misure economiche necessarie per il contenimento degli effetti di questa crisi.

Comunque sia, per avere ulteriori conferme bisognerà attendere l’emanazione del nuovo decreto.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi di questa vicenda.

 

Potrebbe interessarti anche:

 

 

 

 

Argomenti: ,