Abolizione vitalizi parlamentari: sotto la scure 2600 prestazioni di politici, ecco quel che c’è da sapere

Vediamo nel dettaglio quali vantaggi porterà l'abolizione dei vitalizi degli ex parlamentari.

di , pubblicato il
Vediamo nel dettaglio quali vantaggi porterà l'abolizione dei vitalizi degli ex parlamentari.

Prima delle ferie estive il Governo ha voluto l’approvazione alla Camera sulla legge che porterà ad un taglio dei vitalizi degli ex parlamentari anche se, con la pausa estiva alle porte, resta da capire se l’Iter della norma al Senato sortirà gli stessi effetti. Il rischio maggiore per la norma, però, potrebbe arrivare dalla Consulta poiché presenta diversi punti che rischiano di essere incostituzionali.

Abolizione vitalizi: quanto si risparmierà?

Come abbiamo anticipato in diversi altri articoli l’abolizione dei vitalizi parlamentari è già stata attuata, quello che andrà a tagliare la norma in discussione, al momento, sono i vitalizi vecchi, quelli degli ex parlamentari che già percepiscono la pensione o che dovranno percepirla a breve avendo maturato i requisiti prima del 2012, anno in cui, con la Riforma Fornero, il calcolo delle pensioni dei parlamentari era già passato al contributivo.

Cosa cambierebbe, quindi per le pensioni già in essere? Con il calcolo retributivo, con cui sono stati definiti gli importi di tali pensioni, si determinava l’ammontare dell’assegno sugli stipendi che l’onorevole aveva percepito prima di cessare il lavoro. Con il sistema contributivo, invece, si calcolano gli effettivi contributi versati e su di essi verrà ricalcolato l’assegno previdenziale.

Parlando solo degli ex parlamentari, poiché non è possibile fare una stima di quelli che sono i consiglieri Regionali, si parla di 2600 assegni che porterebbero ad un risparmio annuo di 76milioni di euro rispetto agli attuali 206 milioni. C’è però da dire che, anche se la maggioranza degli assegni in essere subiranno un taglio, un centinaio di assegni potrebbero subire un aumento sostanzioso.

Adeguamento: non solo per il calcolo

L’equiparazione dei vitalizi non riguarderà soltanto il calcolo, ma anche la data di maturazione del diritto alla pensione, equiparazione, che però, ci sarà soltanto dalla prossima legislatura.

Un’altro punto che dovrebbe essere toccato dalla riforma Richetti riguarderà anche il cumulo delle indennità di coloro che hanno ricoperto diverse cariche che, al momento, mettono nel portafogli diversi vitalizi. Per chi assume una carica una volta ottenuto il vitalizio, con la riforma Richetti, vedrà un congelamento del vitalizio.

Leggi anche: Abolizione vitalizi parlamentari: aboliranno solo i privilegi della casta o colpiranno tutti?

Argomenti: ,