Abolizione quota 100 per crisi di governo? Nessun rischio nel 2019

Pensione quota 100 con requisiti raggiunti nel 2019: si corrono rischi a causa della crisi di governo?

di , pubblicato il
Pensione quota 100 con requisiti raggiunti nel 2019: si corrono rischi a causa della crisi di governo?

Con la crisi di governo è molta la preoccupazione per chi, dovendo accedere alla pensione, intende uscire dal mondo del lavoro con quota 100. Le voci che vorrebbero un non rinnovo della misura per il prossimo anno, negli ultimi giorni si sono susseguite all’impazzata creando panico nei nostri lettori. Sono moltissime le mail che ci sono giunte su questo argomento e ne riportiamo solo qualcuna a titolo esemplificativo.

Il mio diirtto alla pensione scatta il 31 agosto 2019, poi finestra con 
assegno dal 1 dicembre. Con la crisi di governo c’è rischio che qualcosa 
cambi in peggio? Grazie

e

Buongiorno, chiedo compiendo 62 anni il 16 dicembre e avendo 41 anni di contributi, quale rischio effettivo per richiedere la pensione ??? grazie

e ancora

buongiorno, ho compiuto i 62 anni in questo mese e ho 39 anni di contributi. Tramite il Caf ho già fatto domanda di pensione con decorrenza primo dicembre che verrà inviata dal Caf a inizio settembre. Potrebbero esserci problemi con quota 100 per quanto mi riguarda? grazie per la gentile risposta.

e ancora

Buonasera, ho compiuto 62 anni lo scorso mese di luglio, e raggiungerò’ i 38 anni di contributi il prossimo 1 settembre. Vista l’attuale situazione politica, quali rischi corro in caso di una eventuale revoca della legge relativa a quota 100? Grazie, cordiali saluti.

Quota 100 a rischio per il 2019?

Non possiamo fare previsioni per il 2020: le coperture per rifinanziare le quota 100 al momento non sono state trovate ma allo scopo serve, appunto, la Legge di Bilancio che sarà presentata il prossimo 25 ottobre e che entrerà in vigore dal 1 gennaio del 2020. A partire da fine ottobre, quindi, si sapranno quelle che sono le intenzioni delle esecutivo al riguardo anche se, poi, tutto potrebbe cambiare in base agli emendamenti presentati.

Per quel che riguarda, invece, il 2019, c’è sicurezza: la quota 100 è attualmente in vigore e non può essere abolita, annullata o cancellata e l’attuale crisi di governo non può in alcun modo incidere sui pensionamento previsti per quest’anno.

Inoltre per chi raggiunge i requisiti di pensionamento con la quota 100 entro il 31 dicembre 2019 il diritto non può essere cancellato anche se interverranno modifiche successive poichè grazie alla cristallizzazione del diritto alla pensione, una volta raggiunti i requisiti di pensionamento con una determinata misura, anche se normative successive intervengono al cambiamento della misura stessa permane il diritto alla pensione (si pensi, ad esempio a chi ha raggiunto i requisiti di pensione di vecchiaia a dicembre 2018, con 66 anni e 7 mesi di età, pur avendo decorrenza della pensione il 1 gennaio 2019 non ha subito l’incremento dell’età pensionabile a 67 poichè aveva cristallizzato il proprio diritto).

Anche se, quindi, si sono raggiunti i requisiti di pensione con quota 100 prima della fine del 2019 e la decorrenza della pensione, a causa delle finestre di attesa, slittasse nel 2020 nessuna normativa potrebbe cancellare il diritto ad accedervi.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,

I commenti sono chiusi.