Abolizione dei vitalizi e nuova disciplina nei trattamenti, le novità dall’INPS

Abolizione vitalizi, le ultime novità dall'INPS.

di , pubblicato il
Abolizione vitalizi, le ultime novità dall'INPS.

Abolizione dei Vitalizi: l’Inps pubblica la nota del 23 giugno 2017 al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulle disposizioni in materia di abolizione dei vitalizi e nuova disciplina dei trattamenti pensionistici dei membri del Parlamento e dei consiglieri regionali.

Per poter quantificare gli effetti finanziari derivanti dall’abolizione dei vitalizi e stabilire la nuova disciplina dei trattamenti pensionistici, l’INPS chiede informazioni dei percettori.

Abolizione dei Vitalizi: informazioni sui singoli percettori

Nella nota, l’INPS chiede al Ministero del Lavoro e delle Poliche Sociali, le informazioni riferite agli attuali percettori di vitalizi e a tutti coloro che attualmente rivestono, o hanno rivestito in passato, la carica di parlamentare/consigliere e che non hanno ancora percepito il vitalizio ma potranno conseguirlo in futuro:

  1. codice fiscale;
  2. data di nascita;
  3. sesso;
  4. stato: 1 percettore di vitalizio – 2 parlamentare/consigliere attualmente in carica – 3 parlamentare/consigliere in attesa di vitalizio;
  5. decorrenza del vitalizio diretto;
  6. decorrenza del vitalizio al superstite;
  7. categoria del vitalizio: 1 diretta – 2  superstite;
  8. aliquota di reversibilità applicata;
  9. importo delle trattenute diverse da quelle fiscali;
  10. importo del vitalizio lordo
  11. importo del vitalizio netto

Inoltre, per ogni soggetto considerato, dovranno pervenire i dati che seguono relativamente a ciascun anno ed a ciascuna legislatura:

  • Anno solare di riferimento
  • Numero legislatura /consiliatura
  • Giorni di legislatura/consiliatura
  • Tipo: 1 Camera – 2 Senato – 3 Regione
  • Indicazione della regione per i consiglieri
  • Importo dell’indennità (imponibile)
  • Contributi previdenziali

Abolizione vitalizi parlamentari: sotto la scure 2600 prestazioni di politici, ecco quel che c’è da sapere

Fonte: INPS

Argomenti: ,