730 precompilato o UNICO precompilato: quale modello scegliere?

Cosa cambia nel modello 730 precompilato e quello Unico precompilato 2016?

di , pubblicato il
Cosa cambia nel modello 730 precompilato e quello Unico precompilato 2016?

Una delle importanti novità del 2016 è quella di permettere al contribuente di scegliere se presentare il modello 730 precompilato o il modello Unico precompilato.  

Ma come funziona la scelta e cosa cambia tra i due modelli?

Anche se l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che già dal suo primo accesso il contribuente sarà guidato al modello di dichiarazione più adatto al proprio profilo fiscale, resta il fatto che sarà il contribuente a scegliere quale modello presentare.

L’applicativo, per stabilire quale modello è il migliore per il contribuente porrà alcune domande specifiche per determinare quale sarebbe la scelta migliore in base alle caratteristiche di ognuno.  

730 precompilato 2016

Se il contribuente sceglie di presentare la propria dichiarazione dei redditi con il modello 730 precompilato 2016 dovrà verificare i dati già inseriti dall’Agenzia delle Entrate su:

  • dati personali
  • dati reddituali
  • spese funebri (che da quest’anno possono essere detratte anche per i non familiari.

Se qualcuna di queste informazioni fosse errata o incompleta il contribuente potrà apportare modifiche o integrazioni prima di trasmettere il proprio 730 precompilato, che va presentato entro il 7 luglio 2016.  

Modello Unico precompilato 2016

La scadenza per presentare la dichiarazione dei redditi utilizzando il modello Unico precompilato 2016 è fissata al 30 settembre 2016 (il pagamento delle tasse e l’acconto entro il 16 giugno, mentre la second arata è fissata per il 30 novembre). Prima di accettare il modello Unico precompilato il contribuente deve verificare tutti i dati precompilati dall’Agenzia delle Entrate:

  • Redditi da lavoro dipendente e di pensione;
  • Redditi dominicali, agrari, fabbricati;
  • Detrazioni familiari a carico;
  • Contributi versati per i lavoratori domestici;
  • Contributi versati alla previdenza complementare;
  • Spese funebri anche per i non familiari:
  • Bonus ristrutturazioni, mobili ed elettrodomestici e risparmio energetico;
  • Interessi passivi per mutui e assicurazioni.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,