5 per mille: parte oggi la campagna di iscrizione

Con una circolare emessa ieri, l’Agenzia delle entrate fornisce tutte le istruzioni dettagliate e la tempistica

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Con una circolare emessa ieri, l’Agenzia delle entrate fornisce tutte le istruzioni dettagliate e la tempistica

Parte oggi 21 marzo 2012, il termine per l’iscrizione dei soggetti interessati negli elenchi del 5 per mille. Ieri sera infatti l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una circolare la n. 10/E con cui vengono precisate tutte le istruzioni e i termini di riferimento per poter partecipare al riparto di questa quota del gettito Irpef.

 

I “ritardatari” regolarizzati nel DL 16/2012

Nel documento di prassi di ieri, vengono analizzate anche le novità dell’ultima ora, come quelle introdotte dal recente decreto legge sulla semplificazione fiscale. Il D.L. n. 16/2012 infatti ha previsto per gli enti che non hanno assolto in tutto o in parte, entro i termini di scadenza, agli adempimenti richiesti, la possibilità di regolarizzare la propria posizione ed essere ammessi così al riparto delle quote Irpef. I richiedenti però devono essere sempre in possesso dei requisiti sostanziali richiesti, nonchè hanno l’obbligo di presentare le domande di iscrizione e provvedere alle successive integrazioni documentali entro il 30 settembre, versando contestualmente una sanzione pari a 258 euro. Una possibilità questa la cui decorrenza è prevista dall’esercizio finanziario 2012.

 

L’invio della domanda entro il 30 settembre

Andando più nel particolare, la possibilità di regolarizzazione per i soggetti “distratti” che non hanno assolto, in tutto o in parte, entro le scadenze previste, agli adempimenti richiesti per la loro ammissione al riparto delle quote derivanti dal gettito Irpef al 5 per mille, comporta che la trasmissione delle domande di iscrizione al beneficio deve avvenire sì entro il 30 settembre, inviando la stessa domanda di iscrizione al beneficio ovvero l’integrazione documentale, se i soggetti ritardatari:

–  non hanno presentato la domanda di iscrizione entro i termini stabiliti;

– hanno omesso di presentare la dichiarazione sostitutiva, entro i termini previsti;

– hanno presentato la dichiarazione sostitutiva nei termini, ma hanno omesso di allegare la copia del documento di identità.

 

L’iscrizione agli elenchi dal 21 marzo

La campagna di iscrizione agli elenchi dei soggetti ammessi al riparto del 5 per mille Irpef, parte oggi, 21 marzo e terminerà con tempistiche diverse, a seconda dei soggetti interessati. Così il termine ultimo è il 30 aprile 2012 per gli enti della ricerca scientifica e sanitaria, il 7 maggio per le associazioni di volontariato e quelle sportive dilettantistiche. Da oggi quindi gli enti e le associazioni interessate possono iscriversi su Entratel e Fisconline per la campagna 2012 del 5 per mille. Per tutte le scadenze precise si consiglia di consultare direttamente il testo della circolare n. 10/E che sul punto appare dettagliata e fuga qualsiasi dubbio. (RINVIO LINK AGENZIA ENTRATE).

 

Iscrizione ripetuta per enti già iscritti

Nella circolare delle Entrate, inoltre si precisa come la procedura di iscrizione deve essere ripetuta anche dagli enti che si erano iscritti precedentemente. Così gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche possono iscriversi agli elenchi per il riparto del 5 per mille, utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia, ossia Fisconline o Entratel, purché ne siano prontamente abilitati. Invece del collegamento telematico, l’alternativa può essere quella di rivolgersi ad un intermediario abilitato.

 

L’elenco provvisorio delle Entrate

Una volta presentata e ricevuta la domanda, sarà la stessa Agenzia guidata da Attilio Befera a predisporre gli  elenchi provvisori degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche ammessi al riparto del 5 per mille, tenendo conto delle domande di iscrizione inviate telematicamente. Per gli enti della ricerca scientifica e dell’università, gli elenchi invece saranno curati dal Ministero competente, che avrà l’onere di acquisire le richieste di ammissione al beneficio presentate sempre in via telematica. Infine per gli enti della ricerca sanitaria, sarà il Ministero della Salute a predisporre tale elenco e a trasmetterlo all’Agenzia delle entrate.

 

Appuntamento al 14 e al 25 maggio

Sarà il prossimo 14 maggio l’appuntamento per vedere gli elenchi provvisori pubblicati on line sul portale dell’Agenzia delle Entrate. Dopo quindi un primo raggruppamento, sarà disponibile una versione provvisoria dei quattro elenchi, consultabile online sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 14 maggio del 2012. In caso di errori di iscrizione rilevati negli elenchi, i rappresentanti degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche devono rivolgersi, entro il 20 maggio 2012, alle direzioni regionali competenti dell’Agenzia delle Entrate. Una volta verificate le richieste di correzione, l’altra data da segnare è il 25 maggio, per vedere invece gli elenchi aggiornati, con le eventuali modifiche effettuate.

 

La dichiarazione sostitutiva

Entro il 30 giugno inoltre, i legali rappresentanti degli enti iscritti nell’elenco del volontariato hanno l’onere di sottoscrivere una dichiarazione sostitutiva che attesti la sussistenza dei requisiti richiesti e posseduti per essere ammessi  al riparto del 5 per mille. Questa dichiarazione, deve essere redatta su un apposito modulo scaricabile dal sito delle Entrate, a cui si allega una copia di un documento d’identità in corso di validità. Va poi spedita tramite raccomandata con ricevuta di ritorno alla direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate territorialmente competente. Si ricorda che per le associazioni sportive dilettantistiche, la dichiarazione sostitutiva deve essere inviata, sempre entro il 30 giugno prossimo, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, all’ufficio del CONI nel cui ambito territoriale si trova la sede legale dell’associazione.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Redditi e Dichiarazioni, 5 per mille