Waste crolla dopo ok CdA a proposta di concordato

di , pubblicato il
Una raffica di vendite porta il titolo Waste in asta di volatilità per eccesso di ribasso

Seduta drammatica per il titolo Waste che in borsa sta segnando un ribasso del 13% circa. Il ritorno alle contrattazioni del Gruppo Waste dopo la sospensione di ieri, quindi, si sta rivelando molto teso. La raffica di vendite che sta affossando il titolo è da mettere in relazione con l’approvazione, da parte del CdA della società, delle situazioni economico-patrimoniali e finanziarie al 31 dicembre 2016 e al 31 dicembre 2017 che evidenziano una perdita a fine 2017 di 169,8 milioni di euro di 138,9 milioni di competenza di esercizi precedenti al 2017 e circa 30,9 milioni di competenza dell’esercizio 2017.

Il patrimonio netto al 31 dicembre 2017 risulta negativo di 75,2 milioni escludendo le riserve in conto futuro aumento di capitale di 9,6 milioni destinate dal socio di riferimento Sostenya Group Plc. Il consiglio di amministrazione di Waste ha approvato la proposta definitiva di concordato, comprensivi del bilancio pro-forma che evidenzia una perdita complessiva post-esdebitazione pari a 105,9 milioni. Per finire il CdA ha convocato l’assemblea dei soci in sede ordinaria e straordinaria per l’approvazione delle situazioni economico-patrimoniali e finanziarie della societa’ al 31 dicembre 2016 e al 31 dicembre 2017 e l’integrale azzeramento del capitale sociale e il conseguente annullamento di tutte le azioni in circolazione.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.