Wall Street: apertura in ribasso, Apple crolla dopo le sparate di Trump

La guerra commerciale Usa Cina potrebbe intensificarsi e Wall Street parte subito in rosso

di Enzo Lecci, pubblicato il
La guerra commerciale Usa Cina potrebbe intensificarsi e Wall Street parte subito in rosso

Apertura di contrattazioni in ribasso per la borsa di Wall Street. Come da previsioni, le ultime dichiarazioni di Trump hanno risvegliato i timori su una possibile intensificazione della guerra commerciale Usa-Cina determinando il ritorno delle vendite. Dopo alcuni minuti dall’avvio degli scambi, il quadro a Wall Street è il seguente: il Dow Jones sa segnando un calo dello 0,73%, l’S&P 500 è in ribasso dello 0,46% e il Nasdaq sta registrando una contrazione dello 0,86%. Il presidente americano Donald Trump in vista dell’incontro con il presidente cinese Xi Jinping, in occasione della riunione del G20 a Buenos Aires, in Argentina, ha affermato che “altamente improbabile” che la sua amministrazione decida di posticipare l’aumento dei dazi previsto dal 10% al 25% su prodotti cinesi per un valore fino a  200 miliardi di dollari. Il nuovo aumento dei dazi dovrebbe scattare a partire dall’1 gennaio.

Tra le singole quotate segnaliamo il crollo di Apple che sta perdendo quasi il 2%.

Argomenti: Borsa USA