Vendita RCS Libri: Mondadori e RCS festeggiano, ecco i dettagli dell’operazione

Pioggia di acquisti su RCS dopo la notizia della cessione della divisione Libri a Mondadori: scongiurato il rischio aumento di capitale

di Enzo Lecci, pubblicato il

Mondadori, in calo il passivo nel primo trimestreDopo un tira e molla lungo alcuni mesi si è chiusa le vicenda della vendita di RCS Libri a Mondadori. E’ stata la società proprietaria del Corriere della Sera ad annunciare l’avvenuta firma del contratto per la cessione dell’intera partecipazione detenuta in RCS Libri. Ad essere cedute sono state anche tutte le partecipazioni (che al closing includeranno il 94,71% di Marsilio Editore), ad esclusione del 58% posseduto in Adelphi Edizioni. Il Equity Value concordato è pari a 127,5 milioni di euro. Sono state quindi confermate le indiscrezioni lanciate dall’edizione di venerdì de Il Giornale, in merito a uno sconto nel range tra 5 e 8 milioni di euro sui 135 milioni concordati precedentemente, a fronte dell’impegno di Mondadori ad accollarsi il rischio di adempiere ad eventuali obblighi imposti dall’Antitrust.

La vendita di RCS Libri fa bene sia ai nuovi proprietari che ai vecchi. RCS, infatti, sta segnando una progressione del 5,2% e Mondadori sta mettendo in cassaforte il 2,87%. La chiusura dell’operazione è molto importante per RCS che in questo modo allontana gli spettri dell’aumento di capitale.

 

Argomenti: Borsa Milano, Mondadori, Rcs MediaGroup