USA-Cina: imminente la firma della “fase uno”

di , pubblicato il
Da fonti vicine al SCMP si apprende che una delegazione guidata dal vice-premier Lie He avrebbe accettato l'invito di Washington a recarsi negli USA per firmare, la prossima settimana, la tanto attesa fase uno dell'accordo

Da fonti vicine al quotidiano South China Morning Post si apprende che una delegazione guidata dal vice-premier Lie He avrebbe accettato l’invito di Washington a recarsi negli USA per firmare la tanto attesa fase uno dell’accordo annunciato intorno a metà dicembre.

Anche se non ufficialmente confermato, la firma dell’intesa dovrebbe avvenire la prossima settimana e con essa si potrebbe dare una prospettiva più rosea all’economia mondiale, scongiurando ulteriori inasprimenti dei rapporti commerciali e geopolitici internazionali.

Trump prima di Natale aveva anticipato che ci sarebbe stata  una cerimonia per siglare la fase uno con la controparte Xi Jinping, ed anche il segretario al Tesoro Steven Mnuchin confidava che all’inizio dell’anno ci sarebbe stata la firma degli accordi dopo la loro stesura. L’annuncio dell’imminente raggiungimento di un’intesa ha portato entrambe le superpotenze a cancellare le nuove tariffe che dovevano entrare in vigore il 15 dicembre.

Come parte dell’accordo, anche se non se ne conoscono precisamente i dettagli, la Cina dovrebbe impegnarsi a raddoppiare gli acquisti di prodotti agroalimentari americani e gli Stati Uniti potrebbero ridurre un lotto di tariffe esistenti dal 15% al ​​7,5%. Nell’accordo dovrebbe rientrare anche la definizione di confini più precisi riguardanti la protezione dei diritti di proprietà intellettuale e l’apertura dei mercati finanziari.

 

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.