UnipolSai, è la volta buona? Allianz può essere un buon drive fino al 21 gennaio

di , pubblicato il

Unipol SaiIn una seduta priva di spunti e movimenti interessanti, UnipolSai sembra essere la quotata che fa notizia. La società recentemente sbarcata a Piazza Affari sta mettendo in cassaforte il 2,33% contro un Ftse Mib in calo dello 0,23%. La progressione di UnipolSai, a differenza di quanto avvenuto nei primi giorni di quotazione (con aperture al rialzo seguiti da bruschi cali e chiusure in profondo rosso) sembrerebbe avere basi decisamente solide. Il drive che spinge gli investitori a puntare sulla società nata dalla fusione Unipol Fonsai Milano Assicurazioni e Premafin è rappresentato dalla notizia di un’offerta di Allianz per rilevare gli assets che devono essere dismissioni in osservanza alla condizioni che l’Antitrust ha imposto a Bologna per dare il suo via libera al processo di di integrazione a 4.  

 

UnipolSai Allianz: cosa pensano gli analisti

Secondo gli analisti di Intermonte, la notizia di un interessa da parte di Allianz è “inattesa e positiva”. Buio sui dettagli della proposta anche se, in base ad alcune voci di corridoio, l’operazione riguarderebbe premi per circa 1,3 miliardi e sarebbe quindi inferiore agli 1,7 miliardi cui era interessata Ageas (la cui proposta è stata respinta).

In attesa di conoscere i dettagli dell’offerta, UnipolSai ha fatto sapere che l’offerta di Allianz è idonea al rispetto degli obblighi Antitrust e che sarà esaminata nel cda del 21 gennaio. Sullo stessa scia di Intermonte anche gli esperti di Equita che in una nota scrivono: “Dal punto di vista qualitativo accoglieremmo con molto favore un accordo con Allianz perchè manterrebbe invariata la concentrazione di mercato e soddisferebbe almeno nel breve la voglia di crescere nel danni in Italia, piu’ volte dichiarata da Allianz nel recente passato, quindi allontanando il rischio di comportamenti irrazionali sul pricing”.

 

Argomenti: , , ,