Unieuro: un titolo da inserire in portafoglio nel 2020?

di , pubblicato il
La capacità di generare ricavi e di far crescere la redditività operativa, come sintomo di una sana gestione dell'operatività core testimoniano la qualità della società analizzata.

Unieuro è fra le principali catene di elettronica di consumo ed elettrodomestici in Italia, per numero di negozi (oltre 500 in tutta Italia) e volume d’affari (in base ai dati disponibili a fine 2017).

Dal 4 aprile 2017 Unieuro è quotata in Borsa e rappresenta l’unico marchio di negozi al dettaglio di elettronica di consumo quotato in Italia: è incluso negli indici Ftse Italia Star e Ftse Italia Small Cap.

La capacità di generare ricavi e di far crescere la redditività operativa, come sintomo di una sana gestione dell’operatività core testimoniano la qualità della società analizzata. Inoltre la stessa società oggi ha annunciato oggi la nomina di Gabriele Gennai a Chief Commercial Officer (CCO), che sarà effettivamente operativo dal 1° marzo 2020. Attuale responsabile paneuropeo della business unit Prénatal di Prénatal Retail Group, nel corso dei 28 anni di carriera Gennai ha maturato un’esperienza di caratura internazionale in ambito commerciale, che gli consentirà fin da subito di gestire e sviluppare le relazioni con i fornitori, il processo di category management e la politica commerciale di Unieuro, in linea con la strategia e il posizionamento dell’azienda.

Alla quotazione attuale Unieuro risulta in salita dell’1,27% a 14,34 euro per azione intorno alle 14:02, beneficiando della notizia di Gabriele Gennai come CCO.

Situazione tecnica

La situazione grafica di Unieuro aggiornata al 14/01/2020 e non corretta per i dividendi è la seguente:

Unieuro ha prodotto una performance al rialzo di oltre il 60% dai minimi di fine 2018 ad oggi. Da giugno 2018 il titolo ha prodotto un forte storno da circa 14,90 euro fino ai minimi di fine agosto 2018 a circa 11,26 euro (circa il -24%), per poi riprendere a salire con vigore all’interno di un canale rialzista di breve periodo da ottobre  2019 ad oggi.

In rosso vediamo i possibili prezzi obiettivo al ribasso, mentre in verde i possibili upside. Sui rialzi, oltre zona 16 euro, altri prezzi obiettivo potenziali sono a circa 16,5, 17 e 18 euro.

Analisi fondamentale

Fonte Evaluation.it

Si può vedere come dal 2017 al 2019 i ricavi ed il margine operativo lordo siano cresciuti costantemente, evidenziando la capacità di incrementare il volume d’affari e di gestire efficaciemente/efficientemente i costi operativi.

Il risultato operativo ed il risultato netto sono diminuiti leggermente dal 2017 al 2018 per poi esplodere nel 2019.

Sempre stando ai dati di Evaluation il ROE (che misura la redditività dell’utile netto in rapporto al capitale netto) si è attestato al 13,64% nel 2017, per poi salire al 14,19% ed al 31,80%; il ROI, che misura la redditività operativa dell’intero capitale investito (dato dal rapporto fra reddito operativo e capitale investito, dove per redditività operativa si intende l’EBIT dato dalla differenza fra ricavi e costi totali e per capitale investito s’intende la somma di capitale fisso e capitale circolante) è invece salito dal 23,15% al 23,60%, per poi balzare ancora al 42,09% nel 2019.

Nell’orizzonte preso a riferimento si può quindi vedere come anche gli indicatori di redditività mostrino un importante crescita sia per quanto riguarda i singoli azionisti che per quanto riguarda l’intera società (quindi anche i detentori del debito)

Il consensus pubblicato sul sito di Unieuro è il seguente:

Il consensus  attualmente raccolto da Market Screener – S&P Global Market Intelligence e da Investing sono i seguenti, rispettivamente:

Dalle suddette analisi sembrerebbe che Unieuro abbia le carte in regola per sostenere ulteriori salite del prezzo in linea con i fondamentali. Lo inseriresti in portafoglio?

Nota Bene: il trading può comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. 

 

 

 

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.