Unicredit: dossier fusioni scalda il titolo. Ultime indiscrezioni su Pioneer

di , pubblicato il
Mustier non è preoccupato per una eventuale sovrapposizione dell’aumento di capitale di Unicredit con quello del Monte dei Paschi di Siena

Unicredit si prende tutte le attenzioni in avvio di seduta a Piazza Affari. Il titolo della big del settore bancario, dopo una buona apertura, sta ora segnando un leggero calo per effetto delle numerose prese di beneficio. I drivers su Unicredit sono comunque molteplici. In primo piano c’è sempre la possibile cessione di Pioneer. Secondo Il Sole 24 Ore, nelle ultime ore sarebbe emerso un interesse da parte di alcuni grandi players del comparto del risparmio gestito. Il quotidiano di Confindustria non fornisce altre specifiche ma parla apertamente di una serie di manifestazioni di interesse che sarebbero già giunte a piazza Gae Aulenti da parte di Cvc e Advent.

Unicredit, dal canto suo, non starebbe prendendo in considerazione solo la possibile cessione di Pioneer. Ipotesi sempre valide, infatti, restano anche la quotazione e l’alleanza con altri players.

Intanto nel corso workshop Ambrosetti che si è tenuto a Cernobbio, l’amministratore delegato Jean-Pierre Mustier, ha affermato che il nuovo piano industriale di Unicredit sarà presentato entro la fine dell’anno. Il neo-Ceo ha dichiarato anche che non sussiste alcun motivo per essere preoccupati per un eventuale sovrapposizione dell’aumento di capitale di Unicredit con quello del Monte dei Paschi di Siena (Aumento capitale MPS: Renzi propone un intervento dell’ESM?).

Argomenti: , ,