Unicredit: ceduto il 17% di Fineco tramite procedura accelerated blockbuilding

Unicredit ha ceduto il 17% di FinecoBank incassando 1,014 miliardi di €.

di , pubblicato il
Unicredit ha ceduto il 17% di FinecoBank incassando 1,014 miliardi di €.

Il gruppo guidato da Jean Pierre Mustier, a mercati chiusi, ha comunicato di aver ceduto sul mercato il 17% di Fineco Bank tramite accelerated blockbuilding, una procedura di vendita accelerata riservata ad investitori istituzionali. L’operazione si traduce nella dismissione di 103,5 milioni di azioni ad un prezzo unitario di 9,80 €, un controvalore di circa 1,014 miliardi di €; la plusvalenza ammonterebbe invece a mezzo miliardo di €.

A chiusura dell’operazione Unicredit detiene ancora una partecipazione di minoranza che, come emerge dal comunicato dell’istituto, in seguito verrà progressivamente ceduta. Da una nota emerge anche che questa operazione si pone all’interno di un più ampio quadro, prodromico al piano strategico 2020-2023.

È stato inoltre stabilito un periodo di lock-up (divieto di vendita delle azioni) di almeno 120 giorni dal regolamento dell’operazione; durante tale periodo, eccetto alcuni casi in linea con la prassi di mercato,UniCredit non potrà disporre in nessun modo delle azioni di Fineco senza previo consenso di J.P. Morgan ed UBS Investment Bank per conto dei Joint Bookrunners.

L’effetto della manovra, sul fronte della solidità patrimoniale di Unicredit, è stato stimato in un aumento di 21 punti base sul Cet1 ratio con riferimento al secondo trimestre del 2019

 

 

Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.