Ubi Banca: maxi cessione da circa 900 milioni di crediti lordi in sofferenza, titolo in rialzo (+1,3%)

Maxi cessione da circa 900 milioni di crediti lordi in sofferenza per Ubi Banca. Si tratterebbe di 157 milioni di crediti in Factoring e di 740 milioni nominali di un portafoglio Leasing classificato a sofferenza. Titolo in rialzo dell'1,3%.

di , pubblicato il
Maxi cessione da circa 900 milioni di crediti lordi in sofferenza per Ubi Banca. Si tratterebbe di 157 milioni di crediti in Factoring e di 740 milioni nominali di un portafoglio Leasing classificato a sofferenza. Titolo in rialzo dell'1,3%.

Maxi cessione da circa 900 milioni di crediti lordi in sofferenza per Ubi Banca. Si tratterebbe di 157 milioni di crediti in Factoring e di 740 milioni nominali di un portafoglio Leasing classificato a sofferenza.

La prima operazione di cessione era già stata oggetto di deconsolidamento nel primo trimestre dell’anno in corso.

La seconda vedrebbe come controparte Credito Fondiario, la cui offerta vincolante è stata accettata; l’importo è stato valuto alla data di cut-off del 31 ottobre 2018 e rappresenta il 63% del totale sofferenze di UBI Leasing.

Credito Fondiario, oltre ad acquistare il portafoglio, svolgerà direttamente il servicing, le attività di recupero e la gestione e dismissione del patrimonio immobiliare riguardante i rapporti di leasing.

Impatto della maxi cessione sui conti

L’impatto complessivo delle maxi cessione, sul conto economico del secondo trimestre dell’anno, sarà pari a circa €104 milioni lordi (circa €70 milioni netti), da contabilizzarsi alla voce “rettifiche su crediti”.

Solidità patrimoniale. A livello di CET1 ratio tale impatto verrà compensato quando tutte le vendite saranno perfezionate dalla riduzione dei Risk Weighted Assets  per circa €450 milioni.

A seguito delle suddette operazioni, il ratio complessivo dei crediti deteriorati lordi sui crediti totali lordi, calcolato sui dati al 31 marzo 2019, si attesta pro-forma al 9,4% circa (rispetto al 10,4% rilevato a fine marzo 2019).

 

 

Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.